135 nuovi posti di lavoro contro la disoccupazione: partono i primi Cantieri di Cittadinanza

Poseidone articolo

BRINDISI-SAN VITO DEI NORMANNI- 135 nuovo  posti di lavoro per i primi progetti di Cantieri di Cittadinanza e lavoro minimo per i comuni di Brindisi e San Vito dei Normanni. Le due amministrazioni comunali sono pronte per partire.  I progetti che costituiscono l’Ambito socio-sanitario BR 1 (Brindisi e San Vito dei Normanni) nella giornata di oggi sono stati sottoposti alle Organizzazioni sindacali territoriali della provincia di Brindisi ed hanno ottenuto approvazione. Si tratta dei primi progetti di Cantieri di Cittadinanza e di Lavoro Minimo di Cittadinanza da inserire a Catalogo, così come previsto dalla Delibera della Giunta Regionale Puglia n. 2456 del 21 novembre scorso.  Un provvedimento contro la disoccupazione.

Sono previsti per il momento 135 posti in diversi settori: contrasto alla dispersione scolastica, inclusione sociale, verde pubblico, digitalizzazione della pubblica amministrazione ed altro ancora.

I progetti sono rivolti a disoccupati da almeno 12 mesi che non abbiano un reddito familiare superiore a € 3.000 annue, certificato da ISEE.

I soggetti in possesso dei requisiti previsti dalla Delibera della Regione Puglia potranno – a partire dal prossimo 20 aprile  – procedere ad iscriversi con procedura telematica negli appositi elenchi che saranno gestiti dai Centri per l’Impiego.

Le Amministrazioni Comunali che costituiscono l’Ambito socio-sanitario BR 1 (Brindisi e San Vito dei Normanni) hanno pianificato a breve una riunione di tutto il partenariato d’impresa e sociale per sollecitare le organizzazioni datoriali e le singole imprese a contribuire con ulteriori progetti a sostenere lo sforzo di contrasto alle povertà e alla disoccupazione intrapreso dagli Enti Locali e della Regione Puglia.

elenco progetti di cittadinanza

BrindisiOggi

4 Commenti

  1. Bravi , finalmente si muove qualche iniziativa nella giusta direzione utile al Cittadino Disoccupato Italiano in primis , io lo sono un Disoccupato dal 2006 , credetemi e’ dura non avere un Lavoro , si perde la Dignita’ e a volte anche una Famiglia come e’ successo nella mia esperienza personale

  2. Solo assistenzialismo vecchia maniera, elemosina di danaro pubblico in vecchio stile DC-PCI, e tutto sommato propaganda demagogica in vista delle elezioni regionali.Nulla di nuovo. La solita patacca per i soliti quattro raccomandati ed iscritti al partito.

  3. Vedrete CBE anche per questo tipo di lavoro..se non hai anche qui qualche santo in paradiso ..neanche questo sara cosa per tutti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*