Al bando le “cicche”, arriva l’ordinanza contro i fumatori sporcaccioni

Poseidone articolo

BRINDISI- Al bando le “cicche”, arriva l’ordinanza contro i fumatori sporcaccioni. E’  in vigore un’ordinanza “anti cicche” per rifiuti di prodotti da fumo e di piccolissime dimensioni, come scontrini, gratta e vinci, fazzoletti di carta, gomme da masticare, sul suolo, nelle acque, nelle caditoie e nella scarichi. Per gli esercizi commerciali, la stessa ordinanza, prevede l’obbligo di dotarsi all’esterno, nelle immediate vicinanze, di contenitori portacenere per i rifiuti di prodotti da fumo. L’obbligo è rivolto a bar, ristoranti, chioschi, tabaccherie, centri scommesse, cinema, teatri, banche, uffici postali. I trasgressori saranno sanzionati. “Si tratta di un provvedimento necessario per garantire pulizia – spiega il sindaco Riccardo Rossi – e perfettamente in linea con la politica di decoro che, per certi aspetti, faticosamente stiamo mettendo in pratica. L’amministrazione, con tutti gli strumenti a disposizione, sta portando avanti una battaglia che considero fondamentale di educazione nei confronti dei più piccoli e di rispetto che, mi auguro, tutti i cittadini e le cittadine comprendano e attuino ogni giorno per la res publica”.

BrindisiOggi

 

5 Commenti

  1. Cavolate. Obbligare gli esercizi commerciali? Perché non provvede il comune a collocare cestini buttacarte e mozziconi in tutte le strade come avviene in altre città?

  2. Va benissimo ma, prima di preoccuparsi di sensibilizzare ed eventualmente sanzionare i ciccaboys, focalizzerei un maggiore controllo con sanzioni importanti a coloro che gettano i rifiuti ignorando le regole della differenziata e del rispetto, a coloro che non raccolgono le feci dei propri cani,in una città così splendida che ha perso il senso civico, il senso d’appartenenza, dove i soliti ignoti crede ancora che in ogni mandato politico possa arrivare il famoso… Salvatore di Sogni pronto a mettere tutto a posto,a garantire occupazione, parcheggi,e chi più ne ha ne metta. Ci sarebbe molto da scrivere,ma limito il tutto per non entrare nel patetico su argomenti che tutti conosciamo a che più che cambiare, sono parte di noi

  3. E obbligare gli esercizi commerciali a togliere i loro carrellati dalla strada, no? E quella specie di suk sul marciapiede di Corso Garibaldi non la vede nessuno?

Rispondi a Maria Rosaria Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*