Blitz nel dormitorio di via Prov.le San Vito, dopo tre mesi finalmente pulizia straordinaria/Video

BRINDISI- Dormitorio in via Prov.le San Vito, una bomba ecologica, dopo tre mesi in stato di totale abbandono scatta il blitz. Sono a lavoro sin dalle 20 di ieri sera polizia municipale, Multiservizi, Ecotecnica per ripulire il dormitorio di via Prov.le San Vito a Brindisi oramai al collasso. Una vera e propria bomba ecologica dove sono ospitati oltre un centinaio di migranti. Da tre mesi la struttura è al totale sbando, non c’è sorveglianza, manca la pulizia ed i cancelli , contrariamente a quanto accadeva prima, sono aperti h24.

Pulizia straordinaria del dormitorio in via Prov.le San Vito

Publicado por Brindisi Oggi em Sábado, 12 de agosto de 2017

Tutto questo ha consentito l’accesso libero, superando di gran lunga il numero degli ospiti di norma previsto. Lo stato di degrado e di sporcizia è sotto gli occhi di tutti. Gli ospiti dormono per terra su giacigli di fortuna, nel migliore dei casi su vecchi e sporchi materassi all’aperto sul piazzale antistante la struttura oramai fatiscente. I bagni sono rotti e non funzionano e vi sono masserizie accumulate ovunque. Il rischio sanitario è molto alto. Per questo sin da ieri sera il commissario prefettizio Santi Giuffrè su indicazione della vice prefetto vicario e del vicario ha dato avvio ad  una pulizia straordinaria delle aree esterne.

Foto gallery

https://www.caffepagato.com

3 Commenti

  1. Possibile, che con tanta manovalanza di immigrati non si riesca a convincerli a pulire loro la struttura, anzi proporrei di metterli all’opera per supportare le pulizie straordinarie di arenili, litoranea, centri di interesse culturale….in fondo loro percepiscono una diaria giornaliera, e invece di vederli girovagare per le strade con cuffiette e cellulari, forse questo darebbe loro la giusta dignita

  2. Il Commissario ha provveduto a sanare una situazione al limite della vivibilità, e va bene. Ma queste persone che sono ospitate, invece di bighellonare per la città, andrebbero sorvegliati costantemente e dovrebbero mantenere il sito in modo decoroso.Educhiamoli!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*