Il commissario prefettizio di Oria firma l’ok al piano Silletti:”Al via il taglio degli ulivi”

Poseidone articolo

ORIA – Il commissario prefettizio di Oria firma l’ok al piano Silletti:”Al via il taglio degli ulivi”.

Xylella, il commissario prefettizio Erminia Cicoria firma l’ok per il piano d’emergenza Silletti. La deliberazione del commissario è stata firmata in data 24 marzo 2015 da Pasqua Erminia Cicoria, con la partecipazione e l’assistenza del Segretario Generale  Rosario Cuzzolini, con immediata eseguibilità.

terza definizioneCon il documento, il commissario prefettizio straordinario richiama la determinazione del Dirigente regionale del servizio agricoltura e la “Terza definizione delle aree delimitate per Xylella fastidiosa ed adempimenti fitosanitari” con cui sono state delimitate, per quanto di interesse del comune di Oria, tre zone: la “zona infetta”, la “zona cuscinetto” e la “zona di profilassi”.

Il commissario Cicoria, quindi, attraverso la delibera, demanda agli uffici comunali dei settori Attività Produttive, Polizia Municipale e settore tecnico l’azione di supporto nonché le eventuali altre azioni che vengano delegate o affidate al Comune. In particolare, le Attività Produttive, con il servizio Agricoltura, si dedicheranno alle attività amministrative e di informazione; il servizio di Protezione Civile inserito nella Polizia Municipale dovrà presidiare il territorio e svolgere compiti di supporto agli incaricati dello svolgimento delle azioni previste dal piano; i settori tecnici affiancheranno il personale impiegato nelle attività di manutenzione del verde comunale.

Il piano Silletti, che prevede una spesa di circa 13.610.000,00 euro per gli interventi previsti, quindi, è stato già ratificato dal comune di Oria, caso isolato perché molto distante dal focolaio di massima espansione registrato in Salento. Ancora non ci sono dati ufficiali che attestino l’effettiva responsabilità del batterio chiamato in causa sul disseccamento degli ulivi, ma già si predispone per il futuro delle piante secolari.

Agnese Poci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*