La commissione Via boccia la vasca di colmata, l’Authority presenterà le controdeduzioni

Poseidone articolo

BRINDISI – Niente vasca di colmata a Costa Morena, arriva il parere negativo della Commissione Via (valutazione di impatto ambientale). Il ministero vuole prima conoscere la caratterizzazione dei sedimenti (del dragaggio del porto di Brindisi) che dovrebbero andare a finire in questa vasca. Questo era stato già evidenziato dalle osservazioni presentate anche dalle associazioni ambientaliste, ma anche da alcuni organi di informazione, come BrindisiOggi e il 7 Magazine.

In merito al parere negativo l’Autorità portuale ha inviato le proprie precisazioni a firma del segretario generale Tito Vespasiani.

“ Non risulta sia stata messa in discussione la qualità tecnica della progettazione, peraltro redatta da studi di ingegneria di alto profilo e affidatari, in altri porti, di importanti incarichi di pianificazione portuale e di  progettazione di opere marittime di grande rilevanza   a livello nazionale – si legge nella nota –  La valutazione negativa è strettamente connessa alla evidenziata lacuna conoscitiva, in merito all’aggiornamento delle caratterizzazione dei sedimenti interessati dall’ipotizzato intervento di conferimento in cassa di colmata. Al riguardo si precisa che sul tema l’Autorità di Sistema Portuale ha dato ampiamente riscontro durante il procedimento di VIA in questione (imputato oramai quasi due anni fa) evidenziando come le dette nuove caratterizzazioni avrebbero certamente trovato luogo in fase di progettazione esecutiva ovvero ai fini del dragaggio ex art. 5 bis della Legge 84/94 stante la necessità di realizzare prima la cassa di colmata similmente, tra l’altro, a diversi altri procedimenti già occorsi negli altri porti. E ciò per la semplice ragione di non vanificare le nuove caratterizzazioni che presumibilmente sarebbero diventate nuovamente “vecchie” al compimento delle opere di contenimento della cassa (Le caratterizzazioni hanno validità, infatti, di soli tre anni). Nonostante questa oggettiva puntualizzazione, cui peraltro non è seguito alcun riscontro da parte della Commissione VIA l’Autorità ha avviato da tempo – e di propria iniziativa – il percorso tecnico-amministrativo finalizzato a all’aggiornamento delle caratterizzazioni del sito interessato, dando debita comunicazione al competente MATTM,sia pure con analisi a campione con l’intento cioè di ottenere prima analisi di conferma o meno dei risultati conseguiti nel 2009. Trattandosi di aree rientranti nel sito di interesse nazionale (SIN), tale procedimento risulta articolato e presuppone, prima di avviare la campagna di campionamento e analisi , l’approvazione del piano medesimo da parte del Ministero dell’ambiente. Poichè soltanto di recente è pervenuta la formale approvazione del piano di indagine, l’Autorità, nelle more dell’esecuzione dell’intervento, che dovrà essere preceduto peraltro anche da preventivo nuovo monitoraggio circa la presenza di ordigni bellici, ha chiesto alla Commissione VIA e al Ministero Ambiente la possibilità di sospendere l’esame progettuale,  in attesa dell’aggiornamento della caratterizzazione medesima . Poiché ai sensi dell’art. 10 bis della L. 241/90 , il Ministero dell’ambiente dovrà prossimamente notificare il preavviso di rigetto, assegnando un termine per eventuali osservazioni, in questa fase l ‘Autorità presenterà le proprie controdeduzioni per un riavvio della valutazione , alla produzione della caratterizzazione aggiornata.

Non hanno certamente giovato all’iter procedimentale le continue esternazioni sulla stampa di critiche e dubbi sulla idoneità del sito e sulla scarsa qualità del progetto. Ad ogni modo, consapevoli delle difficoltà connesse all’approvazione della iniziativa, l’Autorità ha anche avviato un parallelo procedimento finalizzato ad anticipare o a  “scorporare “ l’escavo necessario per realizzare i pontili di Sant’Apollinare dal progetto cassa di colmata , e ciò  attraverso una la stipula di accordo in corso di formalizzazione con la società Sogesid, specializzata  nelle bonifiche ambientali  e controllata dal Ministero dell’ambiente, al fine di studiare e  progettare innovativi  interventi di movimentazione e di conferimento dei sedimenti interessati dalla realizzazione dei pontili, e ciò al fine di creare le condizioni per una possibile rapida cantierizzazione di tale progetto strategico per il porto e la città”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*