Lavoratori Natuna sit-in al Comune: “Vogliamo 50% dello stipendio di maggio”

Poseidone articolo
Bobo Aprile durante l’incontro

BRINDISI – I lavoratori Natuna, ditta che si occupa della manutenzione degli impianti sportivi a Brindisi, è in stato di agitazione e questa mattina, hanno incontrato alcuni rappresentanti del Comune per rivendicare gli stipendi arretrati.

I lavoratori, insieme al sindacato Cobas hanno organizzato un sit-in davanti al Comune di Brindisi. Le organizzazioni sindacali hanno chiesto durante l’incontro che gli sia corrisposto il 50 per cento dello stipendio del mese di maggio che loro non hanno ancora ricevuto. All’incontro hanno preso parte il sub commissario vicario, Onofrio Padovano e diversi dirigenti del Comune. La riunione si è svolta presso la sala Mario Marino Guadalupi di Palazzo di Città dalle 9 alle 11.

“Le organizzazioni sindacali hanno esposto – si legge nel comunicato del Cobas –  le motivazioni della protesta, che sono il pagamento del 50 per cento dello stipendio del mese di maggio e di  respingere il tentativo di strumentalizzazione della Natuna che voleva una protesta dei lavoratori presso il Comune per antichi crediti. Crediti che per il Comune non hanno motivo di essere, non avendoli riconosciuti da oltre 10 anni”.

L’impegno preso questa mattina dinanzi ai lavoratori Natuna è quello di convocare subito la ditta a Palazzo di Città per il pagamento degli arretrati.

Il timore dei lavoratori è il pagamento dei prossimi stipendi e del tfr poiché la proroga concessa dal Comune a Natuna ha scadenza il 31 agosto prossimo e dal giorno successivo dovrebbe succedere la nuova ditta aggiudicataria del bando di gara.

BrindisiOggi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*