Le promesse di Paolucci agli operatori portuali: “Se andrò in Europa mi batterò per il porto di Brindisi”

BRINDISI – “Serve richiamare l’attenzione del Governo e dell’Europa rispetto al rilancio del porto di Brindisi che deve superare le criticità esistenti per rendere pienamente efficiente questa realtà molto importante per il Salento e la Puglia. È da tempo che l’infrastruttura soffre di una marginalità rispetto ad altre realtà, essendo stato escluso dalle grandi linee di collegamento quali ad esempio la dorsale adriatica che con un disegno sbagliatissimo si sarebbe dovuta fermare  a Ravenna”. Lo ha detto Massimo Paolucci, candidato alle elezioni europee nella lista del PD, incontrando gli operatori portuali a Brindisi con Massimo D’Alema. Paolucci è in giro nel sud d’Italia in campagne elettorale per le prossime europee del 26 maggio. “Dopo anni di battaglie, con un emendamento del gruppo S&D, siamo riusciti a far sì che la dorsale adriatica scenda fino a Brindisi – continua – Non è un punto di arrivo ma certamente un punto di partenza per dare nuova linfa al porto di Brindisi, alla città e al territorio. Per questo mi batterò se sarò rieletto parlamentare europeo”.

1 Commento

  1. Ahahah fai una buona preparazione atletica.
    Saresti stato più credibile dicendo: lotterò per i problemi
    Dell’Italia e di Brindisi.

Rispondi a Aurelio Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*