Oltre 28 tonnellate di traversine ferroviarie nell’area portuale, scatta il sequestro, due società nei guai

BRINDISI- Oltre 120 metri cubi di traversine ferroviarie per un totale di 28 tonnellate accatastate nell’area portuale, scatta il sequestro. I militari della sezione di Polizia Marittima e Difesa Ambientale della Capitaneria di Porto di Brindisi hanno proceduto al sequestro preventivo d’urgenza di oltre 400 traversine ferroviarie per un totale di circa 28 tonnellate e un Cassone contenente spezzoni di traversini ferroviari.

Le traversine ferroviarie, trattate con Creosoto notoriamente una sostanza cancerogena, estremamente volatile e diffusibile nell’ambiente sia per vaporizzazione (che aumenta col crescere delle temperature) che per percolazione (con inquinamento delle falda acquifera). A fare data dal 2002 le traversine ferroviarie, quando dimesse, vengono classificate come rifiuto pericoloso, così come successivamente definito dal DM 17/04/2003.

Due soggetti, amministratori di due distinte società, sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria, individuati come responsabili per abbandono e gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi.

Proseguono, così, in maniera serrata i controlli della Guardia Costiera, a tutela dell’ambiente al fine di prevenire e contrastare fenomeni oramai purtroppo diffusi di abbandono di rifiuti speciali e nocivi.

http://www.mesagne.gallerieauchan.it/it/event/4460/Black-Friday-Day.html

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*