“Pago due pass residenti ma non trovo mai parcheggio”, la lettera di un residente del Centro al sindaco

INTERVENTO / Egr. Sig. Sindaco
Le scrivo a seguito di un increscioso avvenimento che sembra ripetersi ormai con troppa frequenza dall’inizio di questa estate.
Sono un cittadino di Brindisi proprio come lei, e vivendo al centro da ormai quasi 10 anni ho notato come il problema della mancanza di parcheggi sia aumentato all’inverosimile in un crescendo che si fa sempre più sensibile durante la bella stagione.
E piacevole notare come negli ultimi tempi la popolarità della città sia cresciuta, e riempie davvero il cuore vedere le strade del centro piene di vita durante le notti estive. Sento tuttavia la necessità di evidenziare una nota dolente che riguarda chi, come me al centro ci vive e tornando la sera a casa, si vede costretto a girare le vie della città innumerevoli volte in cerca di un parcheggio disponibile.

Sarà sicuramente al corrente che come residente del centro io e la mia famiglia abbiamo il diritto a pagare “un pass per residenti” che ci permetterebbe di poter lasciare la nostra vettura in un qualsiasi posto segnalato con strisce azzurre presente nell’area identificata come Centro.
Il pagamento di questo abbonamento non garantisce tuttavia di trovare un posto vacante vicino casa o, apparentemente, nella zona al quale si riferisce, per l’appunto il centro. (Dico apparentemente perché se il parcheggio si trova in prossimità di via Lata, mentre io abito in zona S. Benedetto, difficilmente andrò a cercarlo lì, non avrebbe molto senso chiamarlo per residenti)

Sono proprietario oltretutto di un’altra vettura, per la quale pago un abbonamento/ full /per lavoratori che, ovviamente, soffre dello stesso problema della prima.

Mi rendo conto che la scelta o meglio la necessità-di possedere due macchine sia strettamente personale, in questo caso però le riporto questa condizione solo a titolo di onestà visto che il posto risulta impossibile da trovare, durante le ore serali, sia con una che con l’altra auto.

Mi chiedo dunque, pagando effettivamente entrambi gli abbonamenti, e avendo una limitazione per le aree in cui mi è possibile lasciare la macchina (entrambi gli abbonamenti sono infatti limitati alla zona denominata “centro”, ovvero non potrei lasciare la macchina in nessun altro quartiere della città senza dover pagare regolarmente al parchimetro) è possibile che non ci sia una soluzione per garantire ai cittadini residenti e paganti la possibilità di trovare parcheggio nella propria zona?

La volontà di scriverle è nata dalla frustrazione dall’aver perlustrato – per l’ennesima volta (prassi ormai ricorrente ogni sera) – tutte le strade e stradine limitrofe alla mia abitazione, allontanandomi in realtà dalla stessa ben oltre quelle distanze per le quali non avrei nuovamente bisogno della macchina per tornare a casa, e dall’aver pensato, per disperazione, di poter lasciare la mia vettura per qualche ora in un punto non consentito in attesa che si liberasse un posto azzurro.

Il nostro impeccabile servizio di Polizia Municipale ha giustamente riscontrato l’infrazione e mi ha attribuito una meritatissima multa ammontante a 41 euro. Visto che le scrivo in tutta onestà, e a seguito di una serie di sfortunati eventi che hanno solo fatto aumentare la mia frustrazione come cittadino del centro, le confesso che non è assolutamente la prima multa che ricevo per le medesime ragioni.

Sono sicuro che la colpa di tutto ciò sia mia, ma mi chiedo se non ci possano essere soluzioni che il comune può mettere in atto per ridurre la quantità di situazioni di questo genere che probabilmente non colpiscono soltanto me.

Se a conti fatti le tipologie a disposizione sono riducibili a due, strisce bianche e strisce blu, come è possibile che non esista una forma di tutelare i cittadini residenti nelle varie aree della città e che pagano per il diritto al parcheggio in quella area? Non potrebbe essere utile creare una nuova categoria indipendente destinata solo ai titolari di pass?

Mi chiedo, non sarebbe possibile trovare un sistema che garantisca che degli N utenti, che acquistano il numero di abbonamenti a cui hanno diritto o di cui hanno bisogno, tutti trovino disponibile il parcheggio per cui hanno pagato?

Il traffico aumenta durante le ore serali, grazie ai visitatori esterni, così come l’attrattività della città e la necessità di un residente di trovare parcheggio: e se si riservasse un numero di parcheggi azzurri equivalente al numero degli abbonamenti disponibile   solo agli utenti residenti e muniti di pass?

Mi rendo conto che visto il sistema attuale di erogazione dei pass questo non sia possibile, ma visto anche che ognuno di noi residenti paga una tassa per questo diritto, ritengo che sia un dovere del Comune assicurarsi che per i permessi rilasciati corrispondano un numero di parcheggi garantiti e disponibili.

Sebbene sogni una città con un autosilo comunale, mi rendo conto che in tempi brevi sia necessario trovare soluzioni rapide e alternative. Forse se la zona centro venisse suddivisa in aree più piccole, con una relativa suddivisione anche dei relativi pass, sarebbe possibile verificare e assicurare ad ogni residente titolare un posto auto in prossimità della propria abitazione, rispondendo così alla definizione di pass per residente

Mi sono preso la libertà di scriverle una lettera aperta presso la testata   Brindisi  Oggi                       perché ho immaginato che questa problematica potesse riguardare un numero maggiore di utenti che non soltanto la mia famiglia. Sono quindi interessato alla sua opinione e immagino che possa essere utile che questa raggiunga un numero quanto più ampio possibile di lettori.

Con questo le porgo i miei più cordiali saluti e rimango in attesa di una gentile risposta.

                                                    
                                                                                       Giuseppe D’ADDARIO

2 Commenti

  1. Il parcheggio per i residenti, deve essere numerato e non a pagamento. Chi viene da fuori per fare una passeggiata o per fare acquisti, deve poter parcheggiare sui corsi ( a tutte le ore ) oppure in via Spalato e prendere la navetta. I residenti del centro sono sempre più penalizzati e non è giusto. Infine, a parer mio, lo spazio per realizzare un parcheggio a 2/3 piani c’è già ed è a ridosso del canale dove prima c’era la Stp.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*