Presentato il nuovo collegamento ferroviario con l’aeroporto del Salento: in 7 anni tre progetti diversi

Poseidone articolo

BRINDISI – Un nuovo progetto, il terzo in sette anni, per creare un collegamento ferroviario tra Taranto e Lecce e l’aeroporto del Salento, ovviamente passando per Brindisi e per lo scalo della stazione ferroviaria nei pressi dell’ospedale Perrino. All’inizio si chiamava shuttle, un progetto da 40milioni di euro finanziato con fondi Cipe che riuscirono ad ottenere i tre presidente della Provincia  salentini Ferrarese, Gabellone e Florido. Poi lungo la strada le cose cambiarono,  e lo shuttle che doveva camminare prima su rotaie, con la giunta regionale di Emiliano si trasformò in un autobus con una corsia preferenziale su strada, ora cambia ancora. Questa mattina Ferrovie dello Stato alla presenza del ministro del Sud Barbara Lezzi, del sindaco Riccardo Rossi, dell’assessore regionale ai Trasporti Giannini ha illustrato lo studio di pre fattibilità di un nuovo progetto da 80milioni di euro che prevede il collegamento ferroviario con una bretella che porta sino all’aeroporto. Il progetto definitivo dovrebbe essere pronto a dicembre prossimo, mentre la conclusione delle opere è prevista per giugno 2024. “I soldi ci sono – ha assicurato la ministra Lezzi – tanti ne hanno parlato, noi finalmente facciamo i fatti”.

Al momento qualche fatto in realtà c’è, e riguarda il precedente progetto Shuttle, quello dell’autobus su strada, che è stato autorizzato e già appaltato nel 2017 per 26milioni di euro sui 40 stanziati, alla ditta D’Oronzo di Barletta. È stato anche firmato il contratto per l’esecuzione delle opere. Nel caso di mancato avvio dei lavori i privati potrebbero pretendere dal Comune una penale di oltre 2milioni di euro. La proposta dell’amministrazione comunale è ora quella di fare sintesi tra i due progetti, quello di Ferrovie dello Stato e quello appaltato, dirottando quei finanziamenti sulla nuova proposta. L’idea è quella di far realizzare le opere infrastrutturali previste per lo shuttle  alla ditta D’Oronzo, e di   lasciare fuori dall’appalto un quinto dei lavori affinchè questi possano essere realizzati da Ferrovie dello Stato. La legge prevede che sino alla diminuzione di un quinto delle opere già appaltate non si rischiano penali. Tra le opere da realizzare è previsto l’allargamento di alcune strade con relativi espropri, la creazione di una rotatoria all’altezza dell’ex Saca, il rifacimento delle piste ciclabili con la sistemazione anche di quella in via Americo Vespucci. E soprattutto saranno realizzate le infrastrutture per rendere operativa la circolare del mare che prevede diverse fermate: da quella nei pressi del Cillarese alle soste nel porto interno sino allo sbarco in aeroporto. Il tutto stimato in un percorso da 20 minuti. Mentre il tratto ferroviario riguarderà i collegamenti dal parco Cillarese all’aeroporto del Salento. Ferrovie dello Stato ha individuato un tracciato che dalla fermata dell’ospedale Perrino fa partire una bretella su rotaie sino all’aeroporto. Le rotaie dovrebbero attraversare parco Cillarese per superare via Nicola Brandi al quartiere Casale attraverso una galleria sotterranea da realizzare sotto le abitazioni della zona mentre è prevista la realizzazione di un cavalcaferrovia all’altezza di via Maestri del Lavoro. Su questa tratta dovrebbero confluire sia la linea ferroviaria proveniente da Taranto che quella da Lecce, così da collegare via treno l’aeroscalo brindisino.

Chissà se dopo sette anni, questa sarà la volta buona.

Lucia Portolano

Presentato il nuovo ivo progetto di Ferrovie dello Stato per il collegamento ferroviario con l'aeroporto del Salento. Intervista sindaco Riccardo Rossi

Nai-post ni Brindisi Oggi noong Biyernes, Hulyo 26, 2019

Collegamento ferroviario di Lecce e Taranto con l'aeroporto del Salento presentato il nuovo progetto (il terzo in 7 anni). Questa volta il progetto è di Ferrovie dello Stato. Intervista al ministro per il Sud Barbara Lezzi

Nai-post ni Brindisi Oggi noong Biyernes, Hulyo 26, 2019

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*