Riscaldamenti spenti nelle scuole, bambini al freddo, i genitori: “Ci hanno preso in giro”

Riscaldamenti spenti nelle scuole, bambini al freddo, i genitori: “Ci hanno preso in giro”

BRINDISI- Riscaldamenti spenti nelle scuole di Brindisi, bambini al freddo. Brutta sorpresa questa mattina per gran parte degli alunni degli istituti scolastici comunali di Brindisi, dopo venti giorni tra vacanze e chiusura per neve le aule erano gelate. Nonostante l’ampio preavviso dato dalla sindaca di Brindisi, Angela Carluccio, ai suoi dirigenti e tecnici affinché i riscaldamenti fossero accesi con largo anticipo rispetto l’orario di lezione in molti istituti questa mattina i termosifoni erano spenti o sono stati accesi solo alle 8, in pratica con l’inizio delle lezioni. I bambini, quelli che sono entrati, sono rimasti con i giubbotti indosso. Scuola elementare Grazia Deledda, scuola materna Santa Rita, scuola media Virgilio-Salvemini, scuola media Giulio Cesare, scuola elementare Gianni Rodari e scuola Calò tutte al freddo, mentre alla scuola elementare Mameli i genitori sono stati invitati a portare direttamente i bambini a casa perché il personale scolastico ha comunicato loro che la caldaia era rotta. Intanto esplode la protesta, decine le  segnalazioni da parte di  genitori infuriati per una situazione a dir poco assurda: “Ci sentiamo presi in giro” dice una mamma di una bimba che frequenta la scuola elementare Grazia Deledda . “Ho lasciato mia figlia con il giubbotto, le ho detto di non toglierlo. Andrò a prenderla ad orario di pranzo perchè sicuramente non vale la pena farle fare il rientro in queste condizioni”.

Lu.Pez.

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *