Riscaldamenti spenti nelle scuole, bambini al freddo, i genitori: “Ci hanno preso in giro”

Poseidone articolo

BRINDISI- Riscaldamenti spenti nelle scuole di Brindisi, bambini al freddo. Brutta sorpresa questa mattina per gran parte degli alunni degli istituti scolastici comunali di Brindisi, dopo venti giorni tra vacanze e chiusura per neve le aule erano gelate. Nonostante l’ampio preavviso dato dalla sindaca di Brindisi, Angela Carluccio, ai suoi dirigenti e tecnici affinché i riscaldamenti fossero accesi con largo anticipo rispetto l’orario di lezione in molti istituti questa mattina i termosifoni erano spenti o sono stati accesi solo alle 8, in pratica con l’inizio delle lezioni. I bambini, quelli che sono entrati, sono rimasti con i giubbotti indosso. Scuola elementare Grazia Deledda, scuola materna Santa Rita, scuola media Virgilio-Salvemini, scuola media Giulio Cesare, scuola elementare Gianni Rodari e scuola Calò tutte al freddo, mentre alla scuola elementare Mameli i genitori sono stati invitati a portare direttamente i bambini a casa perché il personale scolastico ha comunicato loro che la caldaia era rotta. Intanto esplode la protesta, decine le  segnalazioni da parte di  genitori infuriati per una situazione a dir poco assurda: “Ci sentiamo presi in giro” dice una mamma di una bimba che frequenta la scuola elementare Grazia Deledda . “Ho lasciato mia figlia con il giubbotto, le ho detto di non toglierlo. Andrò a prenderla ad orario di pranzo perchè sicuramente non vale la pena farle fare il rientro in queste condizioni”.

Lu.Pez.

Auchan Natale 2017

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*