Tentata rapina al supermercato: hanno 16 e 14 anni, e sotto la questura la “gioventù” li applaudiva

BRINDISI- Uno ha 16 anni, l’altro solo 14. Ieri pomeriggio hanno tentato di mettere a segno una rapina al supermercato Di Meglio al quartiere Bozzano, a due passi dal parco giochi pieno di bambini. I due sono stati bloccati da un agente della Squadra mobile fuori servizio che passeggiava il suo cane. Ma non finisce qui, una volta portati in Questura, sotto la sede si sono presentati una ventina di ragazzini che acclamavano i loro amici, trattati come piccoli boss. Scena che si vedono nei film. Ed invece sono la gioventù di questa città. I due sono stati arrestati e portati in un centro per minori, il 16enne ha già dei precedenti. I dettagli sono stati resi noti nel corso di una conferenza stampa tenutasi questa mattina dal capo della mobile Rita Sverdigliozzi. I fatti si sono verificati ieri 6 settembre intorno alle 17,30. I due hanno lasciato il loro scooter  Liberty Piaggio, intestato ad un parente di uno dei due,  in via Lussemburgo, dietro parco Maniglio. Il poliziotto che si trovava in zona si è insospettito dal fare dei due giovani, sino a quando non ha notato che i due avevano tolto il casco per mettere il passamontagna. E’ in questo momento che l’agente è intervenuto,  ed è riuscito a bloccarli. I  giovani hanno buttato a terra le armi: un coltello da macellaio e un manganello. Sul posto sono arrivati i rinforzi della Mobile che hanno portato in due in questura. Ma il tempo che la voce si spargesse tra i giovani, che sotto la questura si è assiepato un gruppo di circa 20 ragazzi, arrivati “in onore” dei baby rapinatori che sono stati anche applauditi, come nei peggiori film di mafia. I presenti sono stati identificati e mandati via dalle Volanti. Nello scooter sono stati trovati alcuni generi alimentari che i due avevano rubato in altri supermercati della città: confezioni di nutella, di formaggio, liquori e tonno. Si indaga per capire se i due possono essere legati ad altre rapine dell’ultimo mese.

3 Commenti

  1. Questa città ha raggiunto il massimo del degrado sociale,culturale ed economico. Questo episodio và stroncato con la max. determinazione, se non vogliamo ritornare come ai vecchi tempi del contrabbando, quando non si era sicuri di poter camminare per strada..

  2. ma….dei minori non sono responsabili i genitori? quali provvedimenti adottare? GRAZIE ALLE FORZE DELL’ORDINE CI SENTIAMO SICURI.(anche quando non sono in servizio. GRAZIE ANCORA!

Rispondi a marcello Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*