XIII edizione dello Snim: tutto pronto, alberghi e B&B già pieni

Poseidone articolo

BRINDISI- Tutto pronto per la tredicesima edizione del Salone nautico di Puglia che si terrà a Brindisi sul lungomare Regina Margherita dal 18 al 22 marzo. Unico evento dedicato alla nautica nell’Adriatico e nel Mezzogiorno.

Il salone rinnova il suo appuntamento anche quest’anno grazie alla sinergia degli enti locali e la caparbietà del presidente dello Snim Giuseppe Meo.

 Il Salone nautico di Puglia   registra  il sostegno della Regione Puglia,  del Comune di Brindisi, della Camera di Commercio di Brindisi, dell’Asi e dell’Autorità portuale di Brindisi. In collaborazione con il Coni provinciale e regionale nei giorni dello Snim, nell’area parquet sarà allestito il Villaggio dello sport, con particolare attenzione agli sport acquatici.

 Dopo il successo dello scorso anno, riconfermata come location ideale  il lungomare Regina Margherita, grazie  anche alla disponibilità anche della Capitaneria di porto.

Si registra un presenza espositiva aumentata del 20 per cento, 150 stand espositivi con 160 imbarcazioni a terra e in mare. Una manifestazione cresciuta negli anni, che coinvolge la città e apre le porte ad una serie di eventi che vedranno Brindisi protagonista in diversi settori. Ora si pensa alla nautica. Un’opportunità per rilanciare il settore, un’occasione per le aziende di proporre la loro offerta ma anche di tessere rapporti commerciali con realtà estere. Paese ospite quest’anno è la Croazia. Da non sottovalutare le ricadute economiche che in questi giorni si registreranno in città, con hotel e B&B occupati dagli espositori e visitatori, ma anche bar e ristoranti.

Alla conferenza stampa di presentazione questa mattina erano presenti i rappresentanti di tutti gli enti che sostengono da anni l a manifestazione. Ha aperto la conferenza il vice sindaco di Brindisi Giuseppe Marchionna.

“Lo Snim apre una stagione importante per la città- dichiara in apertura Francesco Renna, consigliere comunale con delega agli eventi- E’ l’unico evento a Brindisi che da 13 anni attrae migliaia di visitatori”.

“Abbiamo fortemente voluto in questi anni integrare l’evento con la città- spiega Giuseppe Meo, presidente del Salone nautico di  Puglia- Ringraziamo molto il Comune di Brindisi, l’Autorità portuale, la Capitaneria di Porto che ci hanno consentito di fare l’evento sul lungomare della città che ha dimostrato essere una location ideale.

E’ assurdo in questo momento dove noi presentiamo un evento importante, rimasto l’unico nell’Adriatico, l’unico nel Mezzogiorno continuare ad alimentare polemiche che alla luce di chi non vive nella nostra città vedrà la manifestazione stessa fatta in maniera distruttiva. Invece dobbiamo imparare a voler bene alla nostra città. Oggi sfido chiunque a trovare un posto in albergo o in un B&B. Queste sono le ricadute sul nostro territorio, questi sono i risultati. Dobbiamo pensare in positivo e non lamentarci di tutto altrimenti agli occhi degli altri saremo sempre una piccola comunità. Dobbiamo crescere.”

“ Il Salone Nautico è un evento settoriale in un settore che ha già subito per la crisi una contrazione commerciale complicatissima – continua Meo- Non è un caso che eventi come Genova siano stati così ridotti, piuttosto che Roma, che mi dicono essere stata di dimensioni ridottissime rispetto alla città.  L’aver difeso questa manifestazione in un settore così difficile deve essere per noi motivo di orgoglio. Abbiamo parlato negli anni scorsi di Bari, questo dimostra quanto questa manifestazione sia sentita. Noi dobbiamo esserne orgogliosi.  Sui numeri, abbiamo migliorato del 20% le presenze. Noi quest’anno siamo riusciti ad internazionalizzare il progetto con il contributo della Regione Puglia e del Distretto produttivo. Abbiamo coinvolto la Croazia presente con circa 10 operatori che saranno coinvolti in un workshop con le nostre aziende. Abbiamo coinvolto l’Associazione nautica campana presente con sei aziende con il meglio della produzione, abbiamo coinvolto aziende dalla Sicilia e dalle Marche.”

Intanto  sul lungomare  da qualche giorno si è già a  lavoro per allestire l’area fieristica grazie alla collaborazione della Capitaneria di Porto. Il taglio del nastro  è previsto per mercoledì 18 marzo alle 11 presso il Gran Hotel Internazionale.

“Abbiamo offerto e continueremo ad offrire la nostra collaborazione- afferma Mario Valente, comandante della Capitaneria di porto di Brindisi- Abbiamo oramai intrapreso dei percorsi. Chiediamo a Giuseppe Meo di avere pazienza quest’anno per i lavori sul lungomare che il prossimo anno sarà più bello e offrirà maggiore spazio”.

Non si può pensare alla nautica senza considerare la realtà della cantieristica. Il Salone nautico vuole essere un momento di riflessione anche per studiare le strategie del futuro su questo tema. “In collaborazione con il Comune – spiega Marcello Rollo, presidente dell’Asi di Brindisi- abbiamo inserito nel PUG delle aree demaniali per destinarle a cantieri navali. Abbiamo il porticciolo,  lo Snim, il Distretto della Nautica  manca solo lo spazio per incentivare la cantieristica navale”.

Il Salone da anni registra il sostegno della Camera di Commercio di Brindisi. “Cercheremo di tenere lo Snim a Brindisi perché coinvolge tutti i settori  non solo l’economia del mare- sottolinea Emanuele Sternativo, vice presidente dell’ente camerale- Con lo Snim ne beneficiano tutte le imprese. Lo Snim miscela turismo, cultura e tradizione. La Camera di Commercio continuerà a sostenere questa manifestazione. 50mila visitatori sono una opportunità per tutti”.

Brindisi una città che vive sul mare e deve puntare su questa sua risorsa intesa in tutte le diverse opportunità per questo l’Autorità portuale anche quest’anno ha rinnovato il suo apporto all’evento. “Lo Snim è un’occasione di sviluppo per il porto e per il territorio.- spiega l’avvocato Rosario Arcadio, dell’Autorità portuale di Brindisi- L’auspicio dell’Ente portuale è che si ripeta ogni anno. E’ un sintomo di attenzione particolare anche se poi la nautica nazionale è in sofferenza continua. Lo Snim invece mantiene alto l’interesse”.

Lo Snim come un’opportunità per le aziende pugliesi è per questo che il  Distretto della Nautica di Puglia guarda da anni  con attenzione quest’evento rimasto unico nell’Adriatico.

“Lo Snim è l’unico salone dell’Adriatico e dimostra lo stato di salute delle imprese- afferma Giuseppe Danese, presidente del Distretto Nautico pugliese- La Puglia nautica esiste e gode di buona salute. Il Salone appartiene alle imprese pugliesi che girano tutto il mondo, imprese che sino a qualche anno fa non riuscivano ad uscire dai loro confini territoriali. Oggi il brand Puglia è leader. Questo è il Salone Nautico della Puglia non di Brindisi. Durante lo Snim ospiteremo Vincenzo Zottola,  presidente di Unioncamere Lazio, della Camera di Commercio di Latina e organizzatore Yacht Med Festival a Gaeta. Abbiamo anche avviato un’azione di incoming con la Croazia, la massima espressione della nautica in Europa”.

Confermata anche quest’anno l’adesione della Lega Navale nazionale. “Siamo orgogliosi  di partecipare a questa manifestazione- dice Andrea Retucci, delegato regionale della Lega navale nazionale- grazie allo Snim abbiamo imparato a fare sistema. Ora tutte le sezioni della Lega Navale sanno fare squadra”.

BrindisiOggi

2 Commenti

Rispondi a cittadino Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*