Dopo la riapertura, arrivate in Puglia oltre 20mila persone. Lopalco: “Potrebbe esserci qualche portatore di virus”

Poseidone articolo

BARI- Dalla mezzanotte di mercoledì a mezzogiorno di giovedì superata quota 20mila. È il numero totale dei moduli compilati sul sito della Regione da coloro che sono arrivati in Puglia dal 3 giugno. Per la precisione 20.020 (dato aggiornato alle ore 12.00).
Non è l’unico dato contenuto nel report sul nuovo modulo di autosegnalazione predisposto dalla Regione Puglia nell’ambito della lotta al Covid19.
Entrando nel dettaglio, sono 19.271 le persone provenienti dall’Italia, 749 quelle arrivate dall’estero. La Lombardia è la regione dalla quale si registra il maggior numero di arrivi: il 34,8%. Seconda, ma con una percentuali inferiore alla metà rispetto alla Lombardia, l’Emilia Romagna (13,7%). Seguono, con percentuali sotto il 7%, Campania, Veneto e Piemonte.
Passando dalle regioni italiane ai Paesi esteri, è la Svizzera la prima nazione per numero di autosegnalazioni, 26,7%. Al secondo posto la Germania col 17,6%. Seguono Gran Bretagna, Francia e Polonia.
Altra chiave di lettura emerge dai numeri sulla data di arrivo. In 6.557, la maggioranza, hanno scelto il primo giorno possibile – il 3 giugno – come data di rientro, 4.208 torneranno nella giornata di oggi, 3.076 domani, 2.150 sabato, 966 domenica.
La fascia di età maggiormente registrata sul sito www.sanita.puglia.it/autosegnalazione-coronavirus è quella compresa tra 31 e 50 anni (40,9%), seguita dalla fascia 51-70 (27,1%) e 19-30 (17,3%). Per la maggior parte, 55,2%, si tratta di uomini, 43,3% sono donne.
Inoltre, il 91,7% dei rientranti in Puglia svolge una professione non sanitaria (impiegato, pensionato, forze dell’Ordine ed anche disoccupati), il 2,7% sono medici, ma ci sono anche infermieri, operatori sociosanitari ed altre figure sanitarie.
Ma come sono arrivati i 20mila registrati fino ad ora? L’81,5% con auto e pullman, il 12,5% col treno, l’1,7% in aereo.

“La risposta alla nostra ordinanza da parte di chi sta arrivando in Puglia esprime meglio di ogni parola lo spirito di collaborazione e il senso di responsabilità dei cittadini – dichiara il presidente della Regione Michele Emiliano – è interesse di tutti creare le condizioni per soggiornare in Puglia in sicurezza e serenità. Ed è quello che stiamo facendo”.

“Da un punto di vista puramente statistico, su un così alto numero di persone che si spostano da una regione ad un’altra, è possibile che ci sia qualche portatore del virus. Ecco perché è così importante l’aiuto di tutti i cittadini che in questo momento devono sentirsi parte, al fianco del Servizio Sanitario Regionale, della lotta al coronavirus” ha commentato Pierluigi Lopalco, responsabile del coordinamento epidemiologico della Regione Puglia.

BrindisiOggi

Non Solo Pane

3 Commenti

  1. Si, effettivamente potrebbe succedere che su 20.000 qualcuno è positivo….Mentre leggevo la notizia, e la meditavo, silenziosamente ed in punta di piedi passavano vicino a me i fantasmi di Aristotele, Kant, Heigel…..

  2. Comprendo lo spirito delle dichiarazioni del governatore Emiliano che ha incitato gli italiani a venire a fare le vacanze in Puglia, ma mi sono sembrate un po’ avventate.Saranno importanti i controlli per evitare che nel Salento si creino situazioni a rischio. Sembra che nel

    fine settimana scorso ci siano state le prime avvisaglie

    • Si, effettivamente sono d’accordo con Mar. Infatti dobbiamo ricordarci ( come ho già espresso in un commento precedente non pubblicato) che se avessimo avuto in Puglia, con il sistema sanitario che ci ritroviamo e soprattutto sapendo chi lo gestisce, la stessa virulenza della Lombardia avremmo dovuto arruolare squadroni di “monatti” di manzoniana memoria e trasformare qualche altoforno dell’ex Ilva in crematorio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*