Musica ad alto volume nel parco dei bambini dopo mezzanotte, i condomini scrivono alla polizia municipale

BRINDISI- Musica e karaoke ad altissimo volume sino a tarda notte nel parco dei giochi da bambini. I residenti della zona sul piede di guerra e inviano una lettera al comando della polizia municipale. Parco Maniglio, nato come parco giochi per bambini, dopo le 21 si trasforma in un luogo con  musica dal “vivo” ad alto volume sino anche a dopo mezzanotte. A nulla sarebbero valse le richieste di moderazione già fatte ai titolari del chioschetto del bar che in questi mesi estivi hanno messo tavolini e ombrelloni con musica la sera.

Il parco si trova a ridosso di diversi condomini al quartiere Bozzano. Le camera da letto si affacciano proprio sulla via e sino a notte fonda è impossibile dormire. La lettera è a firma dell’amministratore del condominio Risanamento  indirizzata al comandante dei vigili Teodoro Nigro,  nella quale   si chiede di intervenire  per “disturbo della quiete pubblica”  negli orari notturni.  “In particolare si lamenta – si legge nella missiva al comandante- che dalle 21 sino a dopo mezzanotte si svolgono attività ludiche che disturbano la quiete pubblica impedendo al vicinato il meritato riposo dopo una giornata lavorativa. Nello specifico si lamenta  che in orari notturni sono diffuse brani musicali ed esibizioni di karaoke a volume sonoro altissimo e con le casse rivolte alle abitazioni.”

BrindisiOggi

3 Commenti

  1. L’ autorità dovrebbe multare ipso fatto, tutti i musicanti di tutti i locali che usano superare i decibel consentiti dalla legge. Perchè i bambini e gli anziani non si possono difendere da questa mattanza mentale e onirica. Il rumore è per le teste di legno….imbecilli, c’ è la legge per impedire ciò.

  2. Si, è probabile che sia vera l’ipotesi di Vito. Qualche politico ( o meglio: qualche BANDITO della politica ) aduso in tempi recenti e passati, fare baldoria nel parco Maniglio gli avrà suggerito ( alla brindisina maniera) : ” Futtatinni, cumpà, che se ti rompono le scatole ci penso io: faccio una telefonatina al Comune ed appiano tutto..”. E vedrete: nulla sarà fatto. In questi casi è molto meglio una denuncia all’autorità giudiziaria con annessa richiesta di danni e prospettiva di un futuro di seri problemi giudiziario-normativi……

Rispondi a Vito Annulla risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*