Traghetto in avaria, novecento passeggeri trascorrono la notte nel terminal

BRINDISI-( aggiornamento h.16.30) Sono iniziate le 15:30 le operazioni di imbarco dei passeggeri e delle autovetture sulla nave Golden Bridge bloccata nel porto di Brindisi a causa di una avaria. Tutto sta procedendo con tranquillità e secondo i programmi . Alle 17 inizieranno ad imbarcare i tir . È previsto che la nave molli gli ormeggi alle 21:30. I tecnici specializzati hanno effettuato un mini collaudo. Il problema dell’avaria è stato risolto e la nave potrà ripartire in sicurezza.

Traghetto con novecento passeggeri è bloccata da ieri sera . In centinaia hanno trascorso la notte nel terminal di Costa Morena, sono i passeggeri della nave  Golden Bridge che ieri sera a causa di  una avaria al generatore non è potuta salpare. La nave, diretta a Igoumenitsa, sarebbe  dovuta partire alle 2130. I passeggeri a bordo sono stati costretti a sbarcare perché i test prevedono che la nave sia vuota di carico e passeggeri.  I tecnici attorno alla mezzanotte erano a bordo per cercare di riavviare il generatore in avaria. A bordo vi erano circa 900 persone,  165 auto e 70 Tir.

L’armatore per il tramite della agenzia Albline ha garantito la massima assistenza ai passeggeri, ospitandoli nel terminal che è rimasto aperto tutta la notte. Le forze di polizia sono andate sotto bordo. L’autorità di sistema ha anche rafforzato i servizi di security portuale. Alcuni passeggeri sono stati spostati sulla Grimaldi altri partiranno in giornata. Intanto a bordo stanno salendo i tecnici del registro di bandiera e della Capitaneria di Porto per verificare che  le condizioni di sicurezza della navigazione siano state ripristinate e poi la nave potrà ripartire.

Non la prima volta che nel porto di Brindisi si verificano disagi simili. Negli scorsi anni altri traghetti sono rimasti fermi per diverse ore a causa di guasti ed i passeggeri sono rimasti in attesa anche un’intera giornata nel terminal prima di poter ripartire.

BrindisiOggi

Cinque per mille AIL
Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*