Sinistra per Brindisi: “Sia convocato un monotematico sul Piano ospedaliero”

BRINDISI-  Sinistra per Brindisi  chiede alla sindaca un consiglio monotematico sul piano di riordino ospedaliere per valutare e prevenire le conseguenze negative sul territorio.  Con la chiusura degli ospedali di San Pietro e Mesagne alcuni reparti di Brindisi potrebbero collassare, ancor di più di oggi. “Il direttore generale dell’ASL BR ha iniziato già ad attuare il Piano di Riordino della rete ospedaliera – scrivono- voluto dal governatore  della Regione Puglia, Emiliano, il tutto senza che si sia concretamente avviato contestualmente il potenziamento del territorio. Contro questa azione si sono avute reazioni e mobilitazioni popolari in vari centri della Provincia e di forze sociali. Alla sindaca nelle settimane scorse  abbiamo chiesto di dare un segnale di interesse rispetto al tema “sanità” e di interesse  politico a volerlo “governare” e non subire.

Sinistra per Brindisi ritiene che la sindaca, nell’esercizio delle sue prerogative di Autorità Sanitaria Locale , debba vigilare affinché nell’ambito comunale non si patiscano le conseguenze di riordini che  potrebbero penalizzare fortemente i nostri territori.

“Stigmatizziamo il silenzio colpevole e assordante della sindaca sui temi proposti- aggiungono- e ribadiamo le richieste già fatte perché la sindaca stessa sia invece parte attiva in un processo di ripensamento e riformulazione della rete delle strutture e dei compiti del SSN nel territorio, nell’interesse dei propri concittadini e ribadisce con forza la richiesta di un consiglio comunale monotematico sul P.R.O. e sulle ricadute nella città, ma soprattutto per difendere il “bene comune salute” e il  diritto costituzionale (art. 32) dei cittadini alle cure migliori possibili.”

BrindisiOggi

Auchan Natale 2017

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*