Vessazioni sessiste sul posto di lavoro, la denuncia di alcune lavoratrici della Asl

Poseidone articolo

BRINDISI- Vessazioni sessiste sul posto di lavoro, la denuncia di alcune lavoratrici della Asl di Brindisi. La CGIL di Brindisi ha denunciato “vessazioni irriguardose ed offensive, oltre che atteggiamenti inequivocabilmente malati,  occorsi presso la ASL BR da parte di alcuni dipendenti ed in danno di lavoratrici della medesima ASL BR”.

“E’ inconcepibile che nell’anno 2019 questo Sindacato sia ancora costretto a dover denunciare atteggiamenti offensivi e chiari riferimenti sessisti tenuti da colleghi nei confronti di loro colleghe che hanno il sol torto di essere donne e rappresentare per loro un oggetto di desiderio- scrive il sindacato- Reiteratamente le lavoratrici sono costrette a subire battute a sfondo sessuale oppure osservazioni da parte di colleghi maschi, anche alla presenza di più persone . Dunque il problema è sia nel contenuto, che nella frequenza con cui commenti, comportamenti ed osservazioni di questo tipo vengono usati in contesto lavorativo”.

“Taluni di questi atteggiamenti saranno oggetto di apposita denuncia da parte delle interessate, ma ci premeva sensibilizzare l’Ente in indirizzo di quanto accade sul luogo di lavoro- aggiunge ancora la CGIL-  anche perché molte sono le donne che rinunciano a denunciare tali gravi accadimenti perché non hanno fiducia del sistema in cui sono costrette ad operare”. Alla luce di tutto ciò il sindacato ha chiesto alla Asl di Brindisi di intraprendere  “ogni azione utile alla cessazione degli atteggiamenti discriminatori ed alle vessazioni per ragioni di sesso nell’ambito lavorativo, attesa – allo stato –  la completa assenza di qualsivoglia tutela in danno di donne che non sono neppure libere di esercitare la loro professione nei luoghi a ciò deputati”.

BrindisiOggi

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*