“Adotta un monumento”: la storia di Brindisi incontra i ragazzi delle scuole

Poseidone articolo

BRINDISI  – Un tour attraverso sedici luoghi della città la mattina ed una serie di eventi artistici e musicali nel pomeriggio: sabato prossimo andrà in scena l’atto finale di  “Adotta un monumento”, l’iniziativa promossa dal settore Beni Monumentali del Comune, assieme all’associazione culturale “Le Colonne Arte Antica e Contemporanea” ed alcuni istituti brindisini: oltre mille gli studenti che hanno aderito e che è stata presentata questa mattina nella sala conferenze di palazzo Granafei Nervegna.

Per ognuno dei sedici “monumenti” o sito di interesse culturale, infatti, c’era una scuola della città che li hanno “adottati”: attraverso un progetto sviluppato nel corso di 5 mesi, a partire dal dicembre scorso, gli studenti hanno prima studiato il territorio e scelto il monumento (fase conoscitiva), poi studiato lo stesso e realizzato componimenti, disegni e video (fase di attuazione) e svolto attività di guida, promozione e valorizzazione del patrimonio artistico  culturale (fase di diffusione), che si concluderà proprio sabato.

Il programma prevede una serie di visite guidate dalle 9 alle 13. Questo l’elenco dei siti: scuola media Virgilio;  Scuola Perasso, palazzo Granafei Nervegna, area archeologica di San Pietro degli Schiavoni, Nuovo teatro Verdi, tempio di San Giovanni al Sepolcro, Ex Convento delle Scuole Pie, Ex  convento Santa Chiara, Monumento ai Caduti, Corte Capozziello, Casa del turista, Palazzina del Belvedere, Colonne romane, Casa di Virgilio, Fontana Tancredi, Monumento al Marinaio.

A seguire, dalle 17 alle 21 sono in programma tre eventi collaterali: alle 17, la sfilata di moda all’interno dell’Ex convento delle Scuole Pie organizzata dal “Morvillo Falcone”, quindi l’esibizione dell’orchestra del “Giustino Durano” nel cortile di palazzo Granafei Nervegna a partire dalle 18.30.  In conclusione, alle 19.30 la mostra antolofica  “Giuseppe Circacì – Opere scelte 2008-2014” a cura di Massimo Guastella, sempre all’interno del cortile di palazzo Granafei-Nervegna.

“Un’iniziativa – ha spiegato il sindaco Mimmo Consales – che vuole valorizzare al meglio la città, affinchè Brindisi sia conosciuta anche dai brindisini”.

Nel dettaglio dell’iniziativa è entrato il responsabile del settore Beni Monumentali Maurizio Marinazzo: “Siamo contenti – ha detto – del risultato raggiunto, visto il lavoro che è stato svolto e l’impegno profuso. La grande risposta che abbiamo avuto testimonia la bontà del progetto. Valorizzare la città rientra in un concetto di appartenenza che vogliamo viecolare intervenendo sulla scuola”.

“Sono stati cinque mesi di lavoro intenso – ha sottolineato Anna Cinti dell’associazione “Le Colonne” – ed i ragazzi hanno partecipato attivamente alla realizzazione del progetto”.

F.Tr.

1 Trackback / Pingback

  1. La casa di Virgilio | Brundarte

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*