Ai tempi del Coronavirus: “Esercitiamoci al cambiamento anche questa è una competenza sociale”

PAROLE A LAVORO  (di Alessandra Amoruso) – Avevo immaginato altre parole a lavoro per questo secondo pezzo, ma qualsiasi parola in questo momento sembra fuori luogo.

Questa emergenza sanitaria ha rotto tutti gli schemi, ha infranto le nostre certezze e cancellato quelle abitudini che in fondo donano alla vita serenità. Ci impedisce di guardare con tranquillità al futuro e rende difficili nella quotidianità anche le cose più semplici o quelle che davamo come assolutamente certe

E ci costringe a chiederci continuamente cosa possiamo fare per resistere a questo straordinario, nel senso di enorme, cambiamento.

Da due giorni hanno chiuso le scuole. Da ieri mia figlia, e io con lei, è alle prese con pc, app, google mail, classroom, password, codici, videochiamate …. e tutto il resto dell’armamentario necessario a continuare a frequentare la scuola, seppur in modo virtuale.

Si, la tentazione di arrabbiarti, soprattutto quando capisci che non capisci niente, è forte. Poi, sarà lo spirito materno, l’ostinazione, il fatto che comunque tocchi a te… fatto sta che dopo 48 ore posso dire che so molto di più su come organizzare una lezione on line di quanto avessi mai desiderato saperne. E potrà decisamente essermi utile anche nel lavoro questa cosa.

Già il lavoro. Fino a qualche tempo fa il pensiero di rimanere a lavorare a casa mi faceva sentire quasi una ladra di stipendio (non sei controllata e quindi automaticamente ne puoi approfittare no?!!?!), oggi mi sento dire che farlo è un gesto di grande responsabilità oltre che un segno di grande civiltà (proteggiamoci l’un l’altro anche isolandoci).

Si, è vero, è come se tutto fosse ribaltato, se non addirittura sospeso, ma finalmente trovo il tempo di leggere quel libro che ho da mesi sul comodino. E a lavoro potremmo decidere che qualche ora la dedichiamo a migliorare le nostre competenze, mettendoci anche noi finalmente in formazione…. on line, s’intende. Internet è pieno di opportunità e ora ne abbiamo anche il tempo.

Farò quella telefonata che ho rimandato tante volte. E non avrò scuse per rimandare la camminata…

E se poi questi cambiamenti fossero tali da non consentirmi più di fare le cose come le facevo prima? Allora forse è meglio che cominci a pensare subito all’alternativa…

In fondo, se mi fermo e mi guardo, quello che sto facendo da un po’ di tempo in qua è esercitarmi, sempre e comunque, ad accogliere il cambiamento, per non esserne sopraffatta.

E come se il cambiamento fosse una competenza, che, per essere tale, deve essere esercitata continuamente.  Tutte le volte che le nostre vite subiscono una deviazione inaspettata, dolorosa, positiva, definitiva o momentanea.  E forse prima ancora che chiedercelo, se ne valga la pena, se sia giusto, quanto sia facile o difficile, ci siamo imposti di adattarci al cambiamento, per sopravvivere.

Ed in effetti è cosi, il cambiamento, la capacità di gestirlo, è veramente una competenza, una di quelle cosi dette “competenze sociali” che fanno la cassetta degli attrezzi di ogni buon lavoratore.  “Non è la più intelligente delle specie quella che sopravvive; non è nemmeno la più forte; la specie che sopravvive è quella che è in grado di adattarsi e di adeguarsi meglio ai cambiamenti dell’ambiente in cui si trova.

E la necessità di intraprendere un cambiamento si giustifica  con l’utilità che a quel cambiamento attribuiamo, nel momento in cui ci accorgiamo che è per il bene nostro e di chi ci sta intorno.

Dunque al lavoro, esercitiamoci. Anche se per cause di forza maggiore. Sarà anche questa una cosa da raccontare.

 

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*