Centro accoglienza al Casale, Manifesto 4Ottobre: “Paure immotivate”

Poseidone articolo

BRINDISI – “’Ero forestiero e mi avete ospitato’ (Mt 25,35), il metro di giudizio che ‘quando il Figlio dell’Uomo verrà’ separerà i ‘giusti’ dai ‘maledetti’, ritorna alla nostra mente in questi giorni in cui idee xenofobe e fasciste camuffate da immotivate paure alimentano la contestazione al progetto di aprire nel quartiere Casale a Brindisi, notoriamente abitato da famiglie benestanti, una comunità per minori stranieri non accompagnati”. E’ quanto si legge nel comunicato stampa del Gruppo Il Manifesto 4ottobre.

Intorno alla decisione dell’amministrazione comunale di Brindisi, guidata dal sindaco Riccardo Rossi, di aprire un centro accoglienza per minori non accompagnati nell’ex sede della delegazione Casale nell’omonimo quartiere, si è scatenata la polemica. Residenti, non tutti, e forze politiche di opposizione contro la giunta che ha partecipato ad un bando pubblico del Ministero con la possibilità di uno Sprar in uno dei quartieri più residenziali del capoluogo brindisino.

“Sicuramente coloro che nel vangelo hanno ospitato il forestiero – continuano dal Manifesto 4ottobre -l’avranno fatto con qualche fastidio, è facilmente immaginabile che non sia stata una passeggiata. Come il fastidio che si prese il samaritano per soccorrere l’uomo depredato senza chiedergli se fosse giudeo o della sua stessa religione. Dispiace perciò leggere le dichiarazioni attribuite al parroco del quartiere che avrebbe detto “la questione esula dalla mia competenza, ora sono impegnato su altri fronti. Io mi occupo di spiritualità non di queste vicende”. Parole che (se pronunciate ma speriamo siano pubblicamente smentite) suonano sorprendentemente indifferenti ad un dramma così attuale e per le quali esisterebbe una spiritualità senza storia. Ancor più strane sulla bocca di un francescano il cui fondatore voleva vivere il vangelo “sine glossa”.

“Auspichiamo che altre espressioni della chiesa e dell’associazionismo religioso vogliano far sentire la loro voce di pace in questo triste momento” concludono.

BrindisiOggi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*