Il consiglio approva il primo bilancio a guida Rossi, e Forza Italia prima della discussione abbandona l’aula

BRINDISI – Approvato il primo bilancio di previsione dell’amministrazione a guida di Riccardo Rossi. Il documento economico finanziario è stato approvato questo pomeriggio dal consiglio comunale con 20 voti a favore e 7 contrari. Della maggioranza mancava solo, assente giustificato, il consigliere Manfreda. All’inizio della seduta, prima della discussione del piano di alienazione degli immobili comunali, i consiglieri di Forza Italia Roberto Cavalera e Gianluca Quarta hanno lasciato i lavori come protesta, rinunciando al gettone di presenza. “Mancava il parere dei revisori dei conti e mancava anche lo schema di approvazione della delibera che sono stati notificati con grande ritardo – afferma Cavalera –  Ma non è solo una questione di carattere tecnico, ma anche di carattere politico. Assistiamo da tempo ad una attività della giunta scollegata da quella del consiglio. Abbiamo già segnalato in passato al prefetto l’atteggiamento del presidente del consiglio comunale”.

La seduta è proseguita con l’approvazione del piano di vendita degli immobili comunali, nel quale oltre alle proprietà già inserite  sono state incluse anche le abitazioni comunali. Per un calcolo di entrate pari a 13milioni di euro, qualora  mai le vendite dovessero andare in porto. Il precedente bando è andato deserto. Sulla questione c’è stato un grande dibattito anche alla luce delle obiezioni sollevate dalla consigliera comunale di opposizione Lo Martire sulla preoccupazione degli assegnatari degli appartamenti che non avranno la possibilità economica di poter acquistare le case. L’assessore ha assicurato che coloro che saranno in regola non dovranno temere nulla. In merito al bilancio di previsione il pareggio è stato ottenuto considerando anche l’entrate derivanti dall’attivazione della discarica comunale di Autigno.  Inoltre sono stati previsti due milioni di euro di tagli ai Servizi sociali nella parte delle rette per i minori non accompagnati. L’incorporazione tra Energeko e Multiservizi, con i quali saranno ridefiniti i contratti sui servizi forniti al Comune. Diminuzione di 500mila euro per la spesa del personale che dovrà attestarsi per Multiservizi a 150 unità. Riduzione del 20 per cento al budget degli eventi estivi. Resta invariata la Tosap mentre aumenta la Tari (di 30 euro all’anno circa) per le famiglie dai 2 ai 4 componenti.  Due milioni e mezzo di euro sono invece stati considerati per il recupero di sanzioni e sanatorie per gli impianti fotovoltaici. Si calcolano inoltre 250mila euro di utili dal bilancio di Multiservizi e 100mila euro dalle Farmacie comunali.  Il movimento 5Stelle, attraverso l’intervento di Gianluca Serra ha espresso perplessità sulle reali entrate della discarica di Autigno in quanto questa non è stata ancora riattivata e i tempi non sono chiari. Aver considerato questi incassi potrebbe essere rischioso, secondo il consigliere pentastellato. Intanto la maggioranza esprime soddisfazione per il risultato raggiunto. “Riteniamo che quello che abbiamo votato oggi è quanto di meglio si potesse produrre, considerato che si è partiti da un’eredità non affatto rosea”, affermano i consiglieri di Brindisi Bene Comune. “In questi mesi abbiamo fatto tanto – dicono i consiglieri del Pd – ma tanto ancora dobbiamo fare. Noi del Pd con serietà e responsabilità continueremo a fare del nostro meglio”.

L’intervista a Roberto Cavalera, consigliere comunale Forza Italia

In corso il consiglio comunale sul bilancio. Il gruppo di Forza Italia abbandona l'aula e rinuncia al gettone di presenza. L'intervista a Roberto Cavalera

Publicado por Brindisi Oggi en Jueves, 2 de mayo de 2019

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*