Contagi al Focolare, Saponaro: “La magistratura faccia luce sui ritardi a Brindisi”

BRINDISI – “La drammatica situazione del Focolare di Brindisi con i dati allarmanti di oggi con oltre 100 positivi al Coronavirus tra personale sanitario e ospiti della struttura, sono il frutto di cosa si sta vivendo in questa città, con ritardi incredibili di mezzi e attrezzature più volte denunciati dai Sindacati dei Medici e Infermieri, le mancate promesse dell Regione Puglia e il silenzio di chi ha l’obbligo morale per responsabilità di garantire la salute dei cittadini. Avere oggi un dato così allarmante sul Focolare nonostante tutte le misure messe in atto di isolamento da 40 giorni non può passare come un caso, non può essere considerato come normalità”, lo afferma il capogruppo de La Lega Ercole Saponaro.

“La magistratura che celermente si è già attivata su alcune vicende che riguardano l’Ospedale Perrino in questa emergenza -aggiunge Saponaro – accolga il grido di dolore della città e faccia piena luce su ciò che sta avvenendo a 40 giorni dalla privazione di ogni libertà che i cittadini stanno rispettando con grande spirito di sacrificio e che non può in nessun modo  giustificare un contagio di queste dimensioni in una struttura per Anziani a 40 giorni dall’inizio dell’emergenza. Basta con chi per sole appartenenze politiche non difende questo territorio e questa città dimenticata da Dio e dagli uomini”.

Non Solo Pane

1 Commento

  1. la magistratura brindisina non ha bisogno di solleciti: continua a dimostrare grande capacità operativa nel contribuire a contrastare la pandemia da covid-19. Pensi invece quel consigliere a rammentare e rilevare le eventuali responsabilità del Sindaco nella drammatica situazione dovuta al coronavirus e nel contempo di verificare i molteplici atti amministrativi assunti da Sindaco ed apparato burocratico municipale, con o senza parere del Collegio dei Revisori, che appaiono non in linea con le vigenti norme del Tuel.
    Brindisi 19/04/2020 Franco Leoci

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*