DA BRINDISI CON LA NAVE A RAVENNA E CATANIA

BRINDISI- Sino ad oggi si è pensato di trasportare merci con la nave da Brindisi solo  per la Grecia e l’Albania, ma i tempi cambiano. Dall’8 novembre prossimo partiranno le linee anche per Ravenna e Catania. La compagnia Grimaldi Group ha deciso di implementare la propria rete di collegamenti commerciali marittimi dal porto di Brindisi. Saranno così  inaugurate due nuove linee, rispettivamente per Ravenna e Catania, con tre partenze per entrambi i porti. La cerimonia di presentazione si terrà nei prossimi giorni. La notizia è stata resa nota dall’Autorità portuale di Brindisi. “ Avrebbero convinto la compagnia- fanno sapere dall’Authority- le condizioni quali un affaccio privilegiato sull’Adriatico, a cavallo tra est e ovest,  gli eccellenti servizi, infrastrutture e banchine attrezzate e importanti fondali di cui gode il porto, che unite alla serietà e alla dedizione profuse dall’ammiraglio Lolli per la buona riuscita dell’accordo, hanno fatto sì che la Grimaldi Group non nutrisse dubbi nell’orientamento dei propri investimenti sul territorio”.

Insomma nonostante le polemiche e i contenziosi giudiziari sui presunti disservizi del porto contestati da alcuni armatori, c’è qualcuno che la pensa diversamente. E forse c’è una inversione di tendenza, tra servizi e costi offerti all’utenza. Non resta che sperare nell’inizio di una svolta, ma in questi casi è meglio essere cauti.

 “E’ un risultato che ci onora – ha commentato il commissario straordinario Lolli – ma che non nasce per caso. E’ dovuto alla sicurezza infusa agli armatori dagli ultimi dati relativi al traffico merci, delle linee per la Grecia, che hanno confermato il trend positivo. Motivo per il quale, oggi, possiamo beneficiare di questo nuovo investimento”. Continuiamo a lavorare per dare sempre maggiore impulso al traffico croceristico, instaurare contatti ancora più proficui con la Turchia e aumentare i risultati del traffico merci con la Grecia e l’Albania”.

 Brindisioggi

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*