“Dal porto al Pug immobilismo totale, la città è ferma”, l’attacco di Forza Italia a Rossi

BRINDISI – Denunciano immobilismo amministrativo. Forza Italia attacca la maggioranza guidata da Rossi: “La città è ferma, è immobile – dice il consigliere comunale Roberto Cavalera – dal Pug al porto non ci sono azioni politiche. Tutto si è arenato. Erano quelli che dovevano cambiare la storia. Ed invece non assumono responsabilità”. Fa una lunga disamina Cavalera, parla della desertificazione della zona industriale, del silenzio calato sul Piano urbanistico,  della crisi del porto, dove non si è in grado neanche di avere banchine sicure per gli ormeggi. “La politica blocca lo sviluppo – continua il consigliere di opposizione – e troppo spesso viene meno il confronto democratico. Non c’è coinvolgimento delle forze politiche e la giunta sembra staccata dal resto della maggioranza”. Un resoconto di fine anno drastico per gli azzurri nella disamina del governo Rossi. Parole dure anche quelle di Livia Antonucci, coordinatrice cittadina del partito: “Mancano pochi giorni per l’approvazione del piano di pre dissesto  e nessun consigliere comunale conosce nulla sui tagli, non è stato inviato alcun atto. Impossibile dare alcun contributo. Ci siamo astenuti sulla delibera per l’adesione al pre dissesto, dando così la nostra disponibilità a collaborare, ma nessun consigliere di opposizione è stato coinvolto, salvo il 23 dicembre sentir chiedere delle proposte dal presidente della Commissione Bilancio, un chiaro atto di presa in giro”.

Vi proponiamo gli interventi integrali di Cavalera e Antonucci nella conferenza stampa

Nessun coinvolgimento sulla stesura del piano di pre dissesto. Mancanza di confronto politico Siamo arrivati a gennaio e i consiglieri non hanno ancora una carta. La protesta di Forza Italia

Nai-post ni Brindisi Oggi noong Lunes, Disyembre 30, 2019

Una città ferma: dal Pug al porto. L'attacco di Forza Italia alla maggioranza Rossi

Nai-post ni Brindisi Oggi noong Lunes, Disyembre 30, 2019

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*