Droga dall’Albania diretta a Bologna: 17 arresti, 3 brindisini

BOLOGNA – Cocaina e marijuana che viaggiava su potenti gommoni dall’Albania all’Italia, passando per Brindisi. Maxi operazione della squadra mobile di Bologna: 17 arresti tra cui tre brindisini. Nella nottata la squadra mobile di Brindisi ha arrestato  Antonio Massaro brindisino di 63 anni (residente a Bologna) Saverio Palma 45 anni e  Vincenzo Vindice 33. Droga che attraversava l’Italia per il mercato dell’Emilia Romagna. L’indagine è partita nel 2016 quando fu arrestato un marocchino con hashish, cocaina e marijuana. L’uomo dichiarò di aver ricevuto la droga da alcuni cittadini albanesi. Fu scoperto un gruppo criminale composto da italiani e albanesi. Il punto nevralgico dell’attività era il capoluogo emiliano ma c’erano anche ramificazioni in Puglia (dove avveniva l’approdo della droga) l’Umbria e la Toscana. Il gruppo comunicava con una chat criptata. I riferimenti pugliesi dell’attività sono stati identificati con Palma e Vindice, che fornivano supporto logistico con il reperimento del pilota, del gommone e della relativa motorizzazione. Lo smistamento e il trasporto nazionale da e per l’Emilia veniva fatto dagli albanesi e da alcuni bolognesi. A Marzano a Bologna, che era già indagato, sono stati sequestrati 5 chili di marijuana, cocaina e ketamina.
Tutti gli arrestati:  Ilirjan Aliaj, 37 anni, albanese, Lisver Binaj, 36 anni, albanese; Giuseppe Cantelmo, 42 anni, Foggia; Pasqualino Cantelmo, 44 anni, Sarno, Romano Vittorio Crapulli, 51 anni, residente a Portomaggiore , Ezewele, 39 anni, nato in Nigeria; Armando Giorntami,  27 anni, albanese, Lavderim Lamaj,  38 anni, albanese; Antonio Marzano, 53 anni, nato a Crotone, Gregorio Marzano, 51 anni, Crotone; Antonio Massaro, 63 anni, Brindisi, Saverio Palma, 45 anni,  residente a Ostuni; Claudio Ranko Pawan, 43 anni, Bologna; Armand Sallja,  27 anni, albanese, Lorens Totaj, 34 anni, albanese; Vincenzo Vindice 33 anni, Brindisi. Ai domiciliari  Dashamir Kanapari, 37 anni, albanese.

 

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*