Final Eight: Happy casa Brindisi batte Fortitudo Bologna ed è in finale

PESARO – È una partita-non-partita quella che Brindisi gioca e vince contro la Fortitudo Bologna (78-53), perché La Happy Casa soffoca le aspettative della Pompea già dall’inizio della gara con un parziale di (7-0) che non lascia dubbi sulla qualità dell’approccio di Brindisi, viscerale ma lucido, concreto eppur spettacolare.

È John Brown che emerge nei primi due quarti, la solita gagliardia e la consueta determinazione che stasera si sposano anche alla precisione nel tiro, il resto della squadra si adegua allo standard del giocatore di Jacksonville, occupa l’area difensiva e riparte con le transizioni veloci che disorientano Bologna che precipita in un deficit importante alla fine del secondo quarto (45-24), che diventa un baratro quando a metà del terzo periodo la distanza tra le due squadre è di 33 punti (66-27).
È anestetizzato l’incontro, con i minuti che scorrono inesorabili sul corpo vivo del team bolognese incapace di reagire di fronte all’ambizione di Brindisi, che ruota all’inizio dell’ultimo quarto, gli uomini in campo con l’ingresso di Zanelli e Campogrande.
La fine arriva dopo un lungo garbage time in cui le squadre attendono l’esaurirsi del tempo, Brindisi arriva in finale, dove giocherà contro la Reyer Venezia, per il secondo anno consecutivo in quella che si annuncia già come una Domenica di passione.
Amedeo Confessore
Tabellini

HAPPY CASA BRINDISIBanks 11, Brown III 18, Martin 8, Sutton 6, Zanelli 7, Guido, Gaspardo 9, Campogrande 3, Thompson 10, Cattapan, Stone 6, Ikangi. All: F. Vitucci.

POMPEA FORTITUDO BOLOGNA: Robertson 4, Aradori 4, Cinciarini 10, Mancinelli 4, Dellosto, Leunen 4, Sims 10, Fantinelli 6, Daniel 7, Stipcevic 4. All: A.Martino.

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*