Furto all’autolavaggio, tre persone nei guai

BRINDISI- Furto all’autolavaggio, tre persone nei guai. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Brindisi, a conclusione di attività investigativa, anche mediante disamina impianti di videosorveglianza, hanno denunciato tre giovani, rispettivamente un 31enne, un 25enne e un 27enne tutti del luogo, di cui i primi due per furto aggravato e il terzo per ricettazione.

In particolare, i primi due giovani si sono resi responsabili di tre furti, il primo commesso presso un autolavaggio, ove dopo aver rotto due gettoniere elettroniche installate presso colonnine self-service, hanno asportato solo alcune monete per complessivi 4 euro. Subito dopo hanno perpetrato il secondo furto, presso altro autolavaggio, previa rottura di due gettoniere elettroniche installate presso colonnine self- service, asportando alcune monete per complessivi 10,00 euro. Infine, hanno perpetrato il terzo furto, previa effrazione della porta di ingresso di un esercizio pubblico adibito a bar del luogo, asportando un televisore.

Per commettere i reati, i due giovani sono giunti sul posto e si sono dati alla fuga utilizzando un ciclomotore di proprietà della madre di uno di loro. Individuati e rintracciati gli autori per le vie della città, i militari operanti eseguivano perquisizioni personali e domiciliari, rinvenendo, nel garage del 31enne, vari attrezzi da scasso e indumenti per il travestimento, quest’ultimi riconosciuti come quelli indossati per compiere i tre furti, nonché il ciclomotore utilizzato; mentre nel domicilio del 25enne sono stati trovati parte degli indumenti riconosciuti come quelli usati per commettere il reato.

Nell’abitazione del 27enne, in atto sottoposto agli arresti domiciliari, è stato rinvenuto il televisore sottratto al bar, occultato nella sua camera da letto. Ciclomotore e materiale rinvenuto sono stati sottoposti a sequestro, mentre la refurtiva recuperata è stata restituita al legittimo proprietario.

BrindisiOggi

ITS LOGISTICA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*