“Grimm”, quando le fiabe fanno paura

PER LA RUBRICA 40 MINUTI- Grimm è una serie surreale, un dramma poliziesco con una svolta.. fantasty, che fin dalla prima puntata vi permetterà di entrare nel mondo delle fiabe. È una serie tv statunitense ideata da Stephen Carpenter, Jim Kouf e David Greenwalt.

Trama – Il protagonista è il detective Nick Burkhardt, un giovane impiegato nella sezione omicidi di Portland che scopre di avere delle particolari abilità: vedere il lato bestiale delle persone. Sua zia Marie in punto di morte gli rivela di essere discendente da una famiglia di cacciatori chiamati “Grimm”, che combattono le creature soprannaturali denominate Wesen, per proteggere l’umanità da ogni tipo di attacco non umano. Nick dopo aver svolto numerose ricerche si rende conto che il suo destino è segnato e che, ora che conosce la verità, non può più tirarsi indietro. Molti saranno i compagni di avventura di Nick. Alcuni di loro saranno esseri umani come lui che rimarranno sconvolti dall’esistenza di questo mondo magico, altri invece saranno proprio dei Wesen che però non hanno alcuna intenzione di distruggere il mondo, anzi si sono integrati fin troppo bene tra gli esseri umani e vogliono aiutare Nick in questa enorme impresa.

I Fratelli Grimm in giallo – L’idea di riprendere le fiabe dei fratelli Grimm, renderle piene di suspense e metterci dentro anche una gran quantità di giallo alla Sherlock Holmes è sicuramente una scelta azzardata, ma vincente. Chi conosce bene le fiabe storiche e intramontabili dei Grimm, nel guardare questa serie non potrà non cogliere i rimandi e, perché no, anche le sottili citazioni. Quì i Grimm non sono due fratelli che raccontano delle storie fantastiche di lupi e bambine disubbidienti. In questa serie i Grimm sono un’antica famiglia di cacciatori, che ogni Wesen teme, perché il loro unico obiettivo è annientare ogni creatura malvagia senza alcuna esitazione. Nella prima stagione la serie può sembrare un po’ lenta, solo concentrata sui singoli casi che Nick deve affrontare e che riesce a risolvere grazie ai suoi poteri da cacciatore, ma poi la stagione finisce con un colpo di scena che ti spinge ad andare avanti. Dalla seconda stagione, la serie diventa anche più violenta e ogni combattimento non ha nulla da invidiare a Buffy l’ammazza vampiri. Teste mozzate, lupi pugnalati e tanti tanti colpi di scena. Insomma per molti questa è una versione dark delle favole dei fratelli Grimm, una versione per adulti che non svengono alla vista del sangue.

Grimm vs Once upon a time – È inevitabile non cogliere la somiglianza di questa serie con un’altra che si propone di trattare le favole più famose di sempre anche se in chiave Disney: Once upon a time. Entrambe le serie sono uscite nel 2011 e fin da subito gli appassionati le hanno paragonate cercando di mettere in scena una sorta di gara tra simili. Secondo il mio parere le due serie, nonostante trattino il mondo delle fiabe, non possono essere messe a paragone, perché la modalità in cui parlano dello stesso tema è completamente diverso. Con Once upon a time entriamo proprio nella magia tipica della Disney, ci appassioniamo alle vicende di Emma Swan e sogniamo accanto agli abiti scintillanti delle principesse che a ogni puntata ci svelano la loro identità. Ed è vero c’è anche quì la lotta al cattivo di turno, ma il combattimento è sempre romanzato. In Grimm non ci sono principesse, non ci sono cavalieri dalla lucente armatura. In questa serie troviamo combattimenti all’ultimo sangue, casi dalla complessa risoluzione che alle volte non finiscono per nulla bene e storie d’amore che non hanno il solito e ben sperato lieto fino. Insomma se è anche vero che entrambe si rifanno ai fratelli Grimm, la modalità nella quale raccontano le fiabe è completamente opposta.

Rassegna – Grimm è una serie che parte sostanzialmente nella seconda stagione, quindi se l’avete abbandonata perché i primi episodi vi annoiavano, riprendetela perché vi sorprenderà. Non è tutto come sembra! Il gruppo di guerrieri, che nelle stagioni si arricchisce, diventa il punto di forza di Nick. Non mancheranno personaggi che all’inizio verranno presentati come antagonisti, ma che alla fine della fiera risulteranno dei veri eroi. Vi troverete a tifare per coppie improbabili e anche i personaggi che all’inizio vi sembreranno insignificanti, acquisteranno il giusto pepe. Il finale è … particolare! Non ci sono molte parole per descrivere questo finale senza fare spoiler, ma se dovessi descrivere la reazione dello spettatore credo userei le stesse parole che usò Ron Weasley quando lesse i fondi della tazza del tè di Harry “soffrirai, ma poi ne sarai felice!”.

Da vedere? – Sì.

 

Voto complessivo – 8

Scheda informativa

Genere: fantasy, drammatico, poliziesco.

Stagioni: 6

  • 1° Stagione (2012) 22 puntate da 45 minuti.
  • 2° Stagione (2013) 22 puntate da 45 minuti.
  • 3° Stagione (2014) 22 puntate da 45 minuti.
  • 4° Stagione (2015) 22 puntate da 45 minuti.
  • 5° Stagione (2016) 22 puntate da 45 minuti.
  • 6° Stagione (2017) 13 puntate da 45 minuti.

 

La trovate su NETFLIX, MEDIASET PREMIUM e PRIME VIDEO.

Alberta Esposito

 

 

 

 

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*