Luigi D’Elia e i Bevano Est in “Cinque racconti di fine estate”: in un cd le parole del sud

Poseidone articolo

BRINDISI- Il teatro, quello con un palcoscenico, un sipario, una storia da ascoltare, aspetta la fine dello smarrimento, quello passato per le scene chissà quante volte. E mentre si consuma l’attesa, che fa il giro del suo primo Natale, Luigi D’Elia affida cinque storie a un cd, che per titolo fa “Cinque racconti di fine estate” (edito “INTI – La terra delle storie in viaggio”, prezzo 12 euro, disponibile in cofanetto cd audio a domicilio e in tutta Italia – ordini e spedizioni WA +39 349 258 1270 – www.luigidelia.it), germogli usciti dalla terra vera, quella che vive d’attesa e di ricordi, di un tempo fatto di uomini dediti, donne sincere e bambini aggrappati a infanzie indimenticabili. Cinque racconti, con la stessa voce narrante, Luigi D’Elia, attore, autore, educatore ambientale, per la regia di Simonetta Dellomonaco che firma le parole del prologo, e le musiche dell’anima dei Bevano Est (Stefano Delvecchio – fisarmonica bitonica, Davide Castiglia – violino, Giampiero Cignani – clarinetto), registrati lo scorso giugno a casa di Ciuma, in Romagna, da Lars Von Sbrokken. Un progetto prezioso, curato nelle immagini e nella fotografia da Michela Cerini, che racconta la vita come una necessità sussurrata, quella di paesaggi lontani dalle frenesie vacillanti attorno a un virus urbano, tempi rurali che sanno di vero, di focolari soffusi, tremolanti come la brace sotto enormi pignatte, e di patti familiari incrollabili come i muretti a secco che lambiscono la ferrovia di Serranova. Corre il treno e fischia consegnando nei poderi dei trebbiatori la nuova macchina per la mietitura del grano. Cinque fili intrecciati tra Serranova, Torre Guaceto, San Vito dei Normanni e Ostuni, ricomposti sull’ascolto di contadini, carcarùli, musicisti terapeuti, ricercatori, poeti e amici. Un lavoro promesso al teatro e trattenuto dentro un disco d’attesa, l’attesa estatica di scene rinviate che si nutrono di storie della terra, di amori a festa, di parole cesellate dalla fatica e dalla meraviglia, di suoni di voci rassicuranti. Come lontananze di Domenico Modugno che arrivano fin sulle stelle del cielo lustro d’agosto. E ora che il sipario è fermo, questi cinque racconti attraversano l’attesa che il teatro, così generoso, compie prima di riprendersi il suo spazio. I cinque racconti affondano nella verità specchiata del Novecento, storie contadine in bilico tra autenticità e nostalgia, sono le nostre radici, quelle digradate nell’esodo verso le città che hanno lasciato la campagna vuota di relazioni e piena di voglia di ricreare. “Cinque racconti di fine estate” è il regalo perfetto, il regalo dell’anima che rimette la memoria sopra le brezze di primavera che pettinano le spighe di grano. Sono storie bianche come la luce aperta che cade sulle battige di Torre Guaceto, come il bagliore della calce appena spenta o come le nuvole che strisciano il cielo, verdi come la tarantola acquarola, dorate come la stoppia lasciata al sole, rosse come la terra battuta sotto gli ulivi o come i capolini dei papaveri su distese rigate di giallo. L’essenza dei colori, in punta di memoria, filtrata dalle parole che appartengono al passato, le stesse che abbiamo bisogno di inventare un’altra volta. Oggi più di sempre. Luigi D’Elia torna al suo teatro, quello scritto sopra le righe dei filari tra Serranova e il mare, sui solchi profondi e friabili di Baccatàni. La musica e le parole della terra, quelle che oggi suonano come panacea di un tempo compresso e calante. In cinque tracce c’è il nostro passato, c’è la controra del Sud, c’è la voglia di aggrapparsi alla memoria senza più staccarsene, come una cura, c’è la voglia di tornare in quelle case coloniche disfatte che restano in piedi come monumenti di comunità. Ascoltandone le voci antiche.

«Il primo viaggio dopo il lockdown – ha detto Luigi D’Elia – è stato per raggiungere i Bevano Est in Romagna, la casa di Ciuma, Cinzia, Adele, Dario, le loro capre, le rane e registrare questi racconti. Ricordo che era con me la convinzione che la voce fosse intimidita dopo essere stata ritirata tanto tempo dall’energia tutta fuori del palco, dei teatri. C’era un pudore. È la mia prima produzione artistica alternativa allo spettacolo dal vivo che mi lascia in pace. E per me, per il mio raccontare, per la materia delle storie, per quello che porta dietro, è un atto d’amore. È come uno spettacolo per uno spettatore solo o pochi per volta. O per un campo di grano. In cuffia o come credete. È come una stagione».

“Cinque racconti di fine estate” è questo, è uno spettacolo dal vivo a distanza, un viaggio del tempo che saggia approdi più sicuri, di evasione dai giorni condominiali, e corre verso gli spazi smisurati della terra. Dove la natura rallenta al muoversi delle stagioni con le loro diverse tonalità, e poi subito accelera al ritmo di una pizzica in la minore. «La raccolta – è il pensiero di Simonetta Dellomonaco che ha curato la regia del disco – è un affresco neorealista di un mondo che permane nel dna ancora ribelle di un’Italia che si è globalizzata, che è diventata moderna, si è a volte rinnegata. Ha venduto la sua anima rurale e magica degli spazi liberi e delle notti sotto le stelle, per vivere negli appartamenti di due camere cucina e bagno. Qui il narratore, scopre insieme al pubblico dei mondi fatti di facce, di mani, di sudore, di corpi, di melancolie, di mancanze incolmabili, di attitudini più che di personaggi, che pure sembrano essere realmente vissuti e spesso lo sono».

BrindisiOggi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*