Mensa scolastica, Rossi: “Le contestazioni riguardano il non rispetto dell’appalto, riserviamo azioni e sanzioni”

Poseidone articolo

BRINDISI – Il sindaco interviene sulle irregolarità riscontrate dai carabinieri del Nas al servizio di mensa scolastica nella città di Brindisi.  Riceviamo e pubblichiamo la nota di Riccardo Rossi.

“Nell’esclusivo interesse di tutti i bambini e delle famiglie che usufruiscono del servizio di refezione scolastica, è doveroso precisare che l’esito dei controlli effettuati dai Nas nel centro cottura cittadino, non ha evidenziato carenze dal punto di vista igienico e sanitario. Vogliamo rassicurare tutti che nessuna contestazione è stata effettuata sulla qualità della carne e sulla sua conservazione. L’appunto avanzato è il mancato rispetto del capitolato d’appalto: la carne oggetto della contestazione era proveniente da allevamenti della Polonia, non dall’Italia come previsto dal capitolato. Abbiamo a cuore la salute dei nostri bambini ed abbiamo mosso le nostre immediate contestazioni a Serenissima con una comunicazione formale, chiedendo il rigoroso rispetto di quanto previsto nel capitolato d’appalto. Ci riserviamo ogni altro tipo di azione per il mancato rispetto degli accordi, ed all’esito delle giustificazioni richieste l’eventuale adozione delle sanzioni previste per tali inadempimenti al capitolato. Nel corso dell’ispezione le cucine e i depositi hanno evidenziato standard qualitativi elevati sulle condizioni igieniche e di conservazione degli alimenti. Cosa che ci rassicura e garantisce l’obiettivo primario costituito dalla tutela della salute dei nostri bambini.”

BrindisiOggi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*