Motocross abusivo nel bosco di Cerano, denunciato un 26enne

BRINDISI- I Carabinieri forestali della Stazione di Brindisi, nel corso di un pattugliamento di contrasto agli illeciti ambientali, hanno individuato un giovane “centauro”, intento a percorrere con moto da cross i sentieri all’ interno del Bosco di Cerano, Riserva Regionale a Sud del capoluogo brindisino.

I Militari sono riusciti a bloccare il motociclista, F.B., 26enne di San Pietro Vernotico, constatando come lo stesso fosse privo di patente (mai conseguita) e di copertura assicurativa del mezzo, e già per questo fermato in precedenza.

Gli accertamenti sono proseguiti presso la Stazione Carabinieri di San Pietro Vernotico, dove si è provveduto a redigere gli atti di rito.

Il particolare, il motociclista sampietrano è stato deferito alla Procura della Repubblica di Brindisi per reiterazione delle infrazioni al Codice della Strada, di cui all’ art. 116, commi 15 e 17 (guida senza conseguimento del titolo di guida), nonché per le violazioni di cui all’ art. 30 della legge 394 del 1991 (“Legge quadro sulle aree naturali protette”), per essersi introdotto con mezzo a motore al di fuori da strade asfaltate arrecando disturbo all’ habitat naturale di una Riserva Regionale.

La moto da cross è stata sottoposta a sequestro penale probatorio ed affidata ad un custode giudiziario.

Quest’ ultima operazione rappresenta certamente una risposta immediata dei Carabinieri Forestali alle recenti segnalazioni di utilizzo di aree naturali, anche protette, del litorale brindisino come piste da motocross. Il fenomeno è sotto attenzione da tempo, e si confida anche nella collaborazione dei cittadini per intervenire con prontezza per contrastare comportamenti illeciti a danno dei preziosi ecosistemi naturali della provincia messapica.

BrindisiOggi

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*