Nave carica di migranti a Sant’Apollinare, 15 ustionati e Minniti minaccia di chiudere i porti alle Ong straniere

BRINDISI- Arriva un’altra nave carica di migranti nel porto di Brindisi.  Ci sono 5 donne incinte e 15 persone con ustioni gravi. La nave della marina militare inglese ha attraccato a Sant’Apollinare questa mattina intorno alle 9,30  con a bordo 402 migranti salvati a largo  nel canale. Ci sono 327 uomini  , 69 donne di cui 5 in stato di gravidanza e 6 minorenni. Sono tutti della zona Sub-sahariana.

In 15 hanno ustioni di secondo e terzo grado sul corpo. Una persona è disidratata, mentre diversi altri migranti hanno ustioni minori molto probabilmente dovuti al forte caldo  durante il viaggio.

Nell’ex capannone Montecatini  è stata allestita a macchina dei soccorsi, mentre i poliziotti della questura di Brindisi stanno coordinando le attività di identificazione dei migranti che saranno poi smistati in altre strutture di accoglienza.

Tutto questo mentre il governo fa un’inversione di rotta, parla di allarme e il ministro Marco Minniti scrive all’Unione europea: “Allarme alto, a rischio la temuta democratica.”

“Il limite ormai è raggiunto e l’Europa deve cominciare a fare sul serio – ha detto il ministro a Repubblica – da tempo ripeto che la questione dei migranti è una questione europea. E non è un modo di dire.  Il nostro Paese valuta l’ipotesi di chiudere i porti alle Ong straniere.”

BrindisiOggi

2 Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*