Oltre cento studenti del Giorgi impegnati al Pon “Competenze di base. Dai saperi alla integrazione delle competenze”

Poseidone articolo

BRINDISI – Centoquattordici studenti coinvolti in diversi moduli per ampliare il loro sapere e creare le giuste competenze per essere pronti ad affrontare gli studi universitari ma anche per avere più chance nel mondo del lavoro. Gli studenti dell’Istituto tecnico industriale Giorgi di Brindisi con grande interesse hanno partecipato al Pon n.953 “Competenze di base. Dai saperi alla integrazione delle competenze”. Si tratta di 4 moduli che spaziano dalla linguistica, alla matematica, al mondo scientifico e all’inglese.

Il primo modulo di 30 ore, al quale hanno partecipato 25 ragazzi, era dedicato al consolidamento delle competenze linguistiche dal titolo “Tra la realtà e la finzione: il palco”. Gli studenti hanno attraversato un percorso storico – linguistico “Sulle orme di Federico II”. Uno studio  mirato a ricostruire l’ itinerario biografico e storico- letterario del re in terra di Brindisi nel periodo delle Crociate. L’iter si è articolato secondo alcuni nodi  tematici: il sistema difensivo della città nel Medioevo, i crociati e i templari, Federico II  e Brindisi “Filia solis”, i protagonisti storici in scena. Un lavoro che ha coinvolto gli studenti attraverso la ricerca di fonti, di interviste ad esperti e rielaborazione personali di una storia che è ancora viva nella loro città attraverso monumenti e luoghi visitati dall’imperatore. Al termine di questa esperienza hanno prodotto un video, un ppt e una brochure turistica dal titolo “Sulle orme di Federico II”.

Il secondo modulo riguarda le conoscenze matematiche dal titolo “Matematica in azione”. Hanno partecipato 36 studenti di quarta e quinta classe, impegnati per 60 ore. Grazie a questi studi diversi ragazzi hanno superato il test di ingresso per accedere ai corsi di laura a numero chiuso. Un grande successo che ha portato soddisfazione anche alle famiglie che non hanno dovuto sostenere spese ulteriori di preparazione. Già da qualche anno infatti il Giorgi ha fra i suoi obiettivi quello di incrementare la percentuale degli studenti che intraprendono percorsi di studi universitari. In questo senso la scuola sta lavorando, anche affiancandoli nella preparazione per i test d’ingresso all’università. Dal corrente anno scolastico, inoltre, anche gli studenti del quinto anno della secondaria di secondo grado sono chiamati a sostenere le prove Invalsi, pertanto l’esigenza di un consolidamento e potenziamento delle competenze di base necessarie per affrontare questi impegni è ancora più sentita. La richiesta da parte degli studenti è stata talmente alta che sono stati  accolti 36 corsisti, un numero superiore rispetto a quello previsto nella programmazione.

Il terzo modulo si concentra invece sulla preparazione nella lingua inglese, ormai colonna portante per avere un curriculum accreditato. Il corso di 100 ore è stato frequentato da 25 ragazzi delle terze classi. Ed ha permesso di ottenere una certificazione linguistica che serve  ai giovani per ampliare le proprie competenze nella lingua già all’uscita della scuola. Il titolo del modulo è Stepping up to b1 english e si è concluso con l’esame PET English.

Il quarto modulo ha visto protagonista la scienza. Ventotto studenti di seconda classe sono stati impegnati in quella che è stata denominata l’Officina della scienza. Il corso è durato 60 ore. Attraverso l’osservazione di un fenomeno, inquadrabile tra i temi del modulo didattico, gli studenti sono stati invitati a riflettere e a porsi domande. Una volta raccolti i quesiti su ciò che si desiderava indagare, si è passati alla fase sperimentale. È stato chiesto loro di ideare un esperimento che potesse dare delle risposte. I corsisti hanno costruito i loro “modelli di realtà” sperimentando e studiando le variabili in gioco, per arrivare a registrare dati, isolare variabili, creare grafici, analizzare i risultati. Gli studenti durante i corsi sono stati affiancati da docenti tutor e da esperti nella materia con i quali hanno stretto rapporti di collaborazione e confronto, accrescendo così il loro sapere e le loro competenze.

BrindisiOggi

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*