Piano di pre dissesto: il 3 gennaio Rossi illustrerà la manovra dei prossimi 10 anni

BRINDISI – Prima la conferenza stampa poi nel pomeriggio un incontro pubblico. E’ pronto il piano di pre dissesto che con il contenimento dei costi e dei tagli ai servizi dovrebbe riportare in 10 anni i conti del Comune in regola. Oggi si parla di un disavanzo di 16 milioni di euro. La maggioranza non è riuscita ad approvare gli equilibri di bilancio del suo stesso bilancio preventivo, una situazione che avrebbe portato al dissesto comunale,  così l’amministrazione Rossi ha aderito al pre dissesto, il famoso piano B per gli enti locali in difficoltà.  Il Comune fa sapere con  una nota che nella giornata di venerdì 3 gennaio 2020, a seguito della conferenza dei capigruppo, si svolgeranno due importanti appuntamenti in cui il sindaco Riccardo Rossi spiegherà tutti i dettagli del Piano di riequilibrio pluriennale che sarà portato in consiglio comunale la settimana successiva. La conferenza stampa si svolgerà il 3 alle ore 11.30 presso la sala Guadalupi di Palazzo di città ed è dedicata ai giornalisti. L’incontro pubblico, rivolto alla cittadinanza, si svolgerà il 3 alle 17.30 sempre presso la sala Guadalupi di Palazzo di città.

Non Solo Pane

2 Commenti

  1. La cittadinanza brindisina è composta da gente di buon senso legata alla assioma della speranza che è l’ultima a morire: sono brindisino verace, ma anche un conoscitore modesto della materia riguardante la gestione di un Ente Autarchico Territoriale e quindi chieda al suo segretario generale la legittimità del provvedimento che intende fare adottare sul piano pluriennale di riassesto finanziario.
    Brindisi, 31/12/2019 Franco Leoci

  2. Al sindaco ed a tutti i consiglieri. Tantissime famiglie, amici degli amici, non pagano la mondezza. Volete aprire gli occhi e fateun censimento di tutta la popolazione brindisina. Il risultato vi sorprenderà. Questo è un piccolo esempio di come riassettare questa catastrofe. Spero che qualcuno prenda in considerazione quanto detto. Buon anno

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*