Piero Gatti nominato direttore del Dipartimento dell’Area medica: “Porteremo gli specialistici a casa dei pazienti”

Poseidone articolo

BRINDISI – Piero Gatti nominato  direttore del Dipartimento dell’Area medica della Asl di Brindisi. Si tratta di un nuovo organismo composto da una serie di strutture complesse e semplici distribuite sull’intero territorio provinciale con lavoreranno in sinergia con i medici di base per offrire un servizio sanitario completo ai pazienti. Del dipartimento fanno parte i medici responsabili dei reparti di Nefrologia, Neurologia, Geriatria, Malattie infettive, Medicine interna di Brindisi, Ostuni e Francavilla Fontana,  Lungo degenza di Brindisi e Ostuni,  Reumatologia, Enocrinologia e  Gastrointerologia. Lo scopo è quello di creare un coordinamento tra medici del dipartimento e  medici di famiglia per promuovere iniziative rivolte alla integrazione delle professionalità per un’offerta sanitaria completa e multisciplinare attraverso modelli organizzativi innovativi anche nelle gestione del personale sanitario.

A capo del Dipartimento ci sarà Pietro Gatti, primario del reparto di Medicina Interna dell’ospedale Perrino di Brindisi, nei mesi dell’emergenza della pandemia è stato responsabile dei reparti Covid dell’ospedale brindisino. Dopo una lunga esperienza arriva questo importante traguardo per il professionista. “Nei prossimi tre anni lavoreremo – spiega Gatti – per creare un concreta integrazione sul territorio non solo con i medici di famiglia, ma anche con il dipartimento delle cure primarie e con l’assistenza domiciliare integrata, in maniera tale da portare l’ospedale  a casa del paziente. L’intento sarà quello di dare supporto specialistico alle adi”.

Per Gatti e per la sanità pubblica brindisina questa rappresenta una nuova e importante sfida.

“La nomina a Direttore di Dipartimento è, da un lato, un grande riconoscimento ricevuto – afferma Gatti – e pertanto un grazie va a chi ha creduto in me e in particolare al Direttore Generale ASL Brindisi Giuseppe Pasqualone, di contro un impegno personale alla realizzazione di un nuovo modello organizzativo per una sanità di area medica innovativa e al passo con i tempi. Per ottenere ciò avrò bisogno di una squadra di professionisti affiatata e all’altezza della situazione e in questo sono certo di essere in ottima compagnia”.

“Questa nomina – aggiunge – la  ritengo una conquista non solo personale ma frutto del lavoro di squadra, iniziato con una grande famiglia quale è stata quella della Medicina Interna di Ostuni e, attualmente, con il lavoro in itinere insieme ai professionisti della Medicina Interna di Brindisi. Importante è stata l’esperienza effettuata durante il periodo COVID collaborando con una schiera di professionisti appartenenti a tutte le categorie della sanità che hanno creduto in un progetto, impegnandosi giornalmente alla finalizzazione e realizzazione dello stesso. Un grazie infinito per gli insegnamenti ricevuti, che tanto hanno influito alla formazione del professionista, va ai maestri dell’arte medica Franco Dammacco e Mimmo Sansonno, un grazie immane a chi ha formato l’uomo iniziando dai genitori, nonni e zii, per finire a mia moglie con cui condivido anni di vita emozionante e crescita umana. Un grazie a tutti i pazienti passati e presenti che mi hanno sempre incoraggiato e dato la voglia di studiare e guardare avanti per migliorare. Non so se, insieme al comitato di Dipartimento, riusciremo a realizzare il sogno, ma con l’impegno di tutti i professionisti dell’area medica di ASL ci proveremo e da oggi ci impegneremo affinchè ciò accada”.

Oltre al dipartimento di Area medica sono stati anche istituiti il Dipartimento di Farmacologia con la nomina di direttrice Teresa Calamia e il Dipartimento delle Cure primarie con direttore Angelo Greco.

BrindisiOggi

1 Commento

  1. Un grande uomo, un grande medico, un grande compagno di vita per la sua Lucia. Noi pazienti abbiamo trovato in lui una persona che con grande umiltà ti mette a tuo agio e ti fa sentire persona prima e, paziente dopo. Grazie doc ti sarò sempre riconoscente. Congratulazione.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*