Il procuratore Maresca racconta la vera storia della cattura del boss Zagaria

Il-pm-Catello-Maresca-della-Dda-di-Napoli
Catello Maresca, procuratore della Dda di Napoli

LATIANO – Sedici lunghi anni di latitanza poi l’arresto. Michele Zagaria, il boss dei Casalesi, fu arrestato il 7 dicembre del 2011 dopo anni di indagini condotte dalla Dda di Napoli. Questa sera ospite di Taberna Libraria a Latiano, per l’ultimo appuntamento della rassegna letteraria, per la stagione 2013/14, ci sarà il sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, Catello Maresca, che presenterà il suo libro ‘L’ultimo bunker – La vera storia della cattura di Michele Zagaria, il più potente e più feroce boss dei Casalesi’. L’appuntamento si terrà alle 20.30 nella libreria di via Torre.

“La mafia casalese è come un cancro che lancia metastasi imprevedibili in ogni direzione, quindi nessuna realtà italiana può considerarsi completamente immune ormai da queste infiltrazioni.” Questa è una delle tante citazioni del procuratore Maresca riportata nel suo ultimo libro.

Zagaria fu catturato nella sua terra, Casapesenna, a pochi chilometri da Casal di Principe. Per stanarlo, nel sofisticato bunker che lo ospitava, sono state necessarie ruspe, martelli pneumatici e una gigantesca trivella. Quella mattina di dicembre segna la fine di una caccia lunga tre anni. A guidare l’indagine è stato un giovane e coraggioso magistrato napoletano, Catello Maresca, che ha lavorato ossessivamente per raggiungere questo obiettivo. Con la sua squadra ha raccolto migliaia di informazioni e segnalazioni, ha seguito le tracce più labili, si è calato nella mentalità  dei boss latitanti e dei loro complici.

È stata una partita sottile, complessa, estenuante: i capi della criminalità organizzata sono astuti e feroci, hanno moltissimo denaro, decine di complici e un efficace sistema di controspionaggio, godono di un immeritato «rispetto» fondato sulla paura che incutono, si avvalgono delle tecnologie più moderne.

Nel libro racconta la lunga e difficile guerra contro la camorra. I boss si circondano di filtri sempre più impenetrabili, sono aggiornatissimi sulle nuove tecnologie usate dagli inquirenti, terrorizzano e ammazzano testimoni e pentiti, sono ricchissimi e possono farsi costruire decine di rifugi introvabili e impenetrabili, come quello in cui fu arrestato proprio Zagaria a Casapesenna, in provincia di Caserta.

Un magistrato da sempre in prima linea contro la criminalità organizzata svela i segreti della caccia ai boss: i trucchi, i nascondigli, le complicità. E ci trasmette il brivido della caccia, il cerchio che si stringe, una lotta senza esclusione di colpi tra due eserciti che non possono fare pace.

BrindisiOggi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*