Rossi: “L’atterraggio di emergenza dimostra che il centro di controllo deve restare a Brindisi”

BRINDISI – “Il centro di controllo Enav di Brindisi è fondamentale per garantire la sicurezza in Aeroporto, come dimostra l’atterraggio di emergenza del volo Condor ed è per questo che deve restare a Brindisi”. E’ quanto dichiarato da Riccardo Rossi, candidato sindaco a Brindisi per Brindisi Bene Comune, Partito Democratico, Liberi e Uguali.

Sabato scorso presso l’aeroporto del Salento a Brindisi c’è stato un volo atterraggio di emergenza del 757 della compagnia Condor. Il tutto è stato gestito eccellentemente da parte del centro di controllo Enav del capoluogo brindisino.

Riccardo Rossi

“La gestione dell’emergenza del 757 della compagnia Condor – scrive Rossi – avvenuta sabato 5 maggio, da parte del centro di controllo Enav di Brindisi dimostra l’importanza del centro nella gestione del nostro Aeroporto del Salento. Le professionalità e le competenze presenti a Brindisi hanno consentito una perfetta gestione della situazione di emergenza legata alla depressurizzazione dell’aereo con a bordo circa 170 passeggeri”.

“E’ questa l’ennesima dimostrazione – sottolinea il candidato sindaco di centrosinistra – dell’inadeguatezza del piano industriale varato dal consiglio di amministrazione di Enav, che prevede il trasferimento a Roma del centro di controllo di Brindisi, che invece è fondamentale nella gestione ordinaria e straordinaria del nostro Aeroporto. Quest’ultimo episodio rafforza la nostra richiesta di revisione del piano industriale di Enav, per consentire il mantenimento del centro di controllo a Brindisi e con esso di tutte le professionalità presenti, cui va il nostro ringraziamento”.

“La nostra amministrazione sarà quindi impegnata fortemente anche sui tavoli nazionali e regionali per impedire ogni possibile impoverimento del nostro territorio” conclude Rossi.

(Foto da internet)

BrindisiOggi

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*