Rossi proclamato presidente della Provincia: “Ora dobbiamo interloquire con il governo”

rbsh

BRINDISI – Da oggi Riccardo Rossi, sindaco di Brindisi, è anche presidente della Provincia. Si è tenuta questa mattina la proclamazione della sua elezione. Dopo il controllo effettuato sul lavoro svolto dal seggio elettorale in occasione delle elezioni svolte il 31 ottobre scorso, con la verifica del voto ponderato, e dopo aver attestato l’assenza di reclami, il coordinatore dell’Ufficio Elettorale della Provincia di Brindisi, la dirigente Fernanda Prete, ha proclamato ufficialmente  Riccardo Rossi nuovo Presidente della Provincia di Brindisi.  La cerimonia si è svolta nel Salone di Rappresentanza dell’Ente. Era presente anche il vicepresidente della Provincia, Domenico Tanzarella, che è stato presidente facente funzioni fino al 31 ottobre scorso.

“Ringrazio Domenico Tanzarella – ha dichiarato il presidente Rossi – per il lavoro che ha svolto in questi mesi insieme con tutto il consiglio provinciale e con tutti i dirigenti e funzionari. Non era scontato arrivare a questo punto, al mio insediamento, con un bilancio redatto, con un avanzo di gestione, al contrario di tante province che non sono riuscite a chiudere il proprio documento di bilancio, o di altre che sono con i conti in pre dissesto. Tutto questo significa che dietro a quei numeri c’è stato un lavoro importante. Ora c’è da continuare su questo percorso con l’attuale consiglio provinciale, ma dobbiamo allargare il campo anche a  tutti i sindaci della provincia. Convocherò quanto prima l’Assemblea dei Sindaci e il Consiglio provinciale perché c’è da ridare dignità alla Provincia, incrementando magari l’interlocuzione col Governo nazionale. Oggi le Province ci sono, hanno funzioni importanti, e abbiamo bisogno di interloquire con il Governo per comprendere quali strumenti e quali risorse economiche ci vengono messi a disposizione per fare le nostre attività”.

Rossi espressione della coalizione di centrosinistra ha battuto il suo collega di San Pietro Vernotico Pasquale Rizzo, candidato del centrodestra. Una elezione che è il risultato di accordi politici, e che ha visto primeggiare il modello Brindisi con l’alleanza Pd, Leu e i movimenti civici. La Provincia è stata ridotta ad ente di secondo grado con le competenze in materia di Ambiente, e di manutenzione delle strade e degli edifici scolastici. Nonostante i cittadini abbiano bocciato il referendum sulla riforma costituzionale, la legge Delrio che ha cancellato l’ente Provincia come prevista dalla Costituzione, è rimasta in vigore.

“Riccardo Rossi – ha detto Tanzarella – ha competenza, professionalità, senso dell’equilibrio, saggezza e l’umiltà di chi sa e non l’arroganza degli ignoranti. Penso che potrà fare bene. Io metterò a disposizione la mia piccola esperienza in questa fase di transizione assicurando la mia collaborazione, soprattutto perché conosco cosa significa fare il sindaco di una città come Ostuni, Francavilla e Brindisi, e avrà certamente bisogno di collaborazione, come ha chiesto, di tutti i consiglieri provinciali e della macchina amministrativa. C’è da dare dignità a questa provincia, ma c’è bisogno però che qualcuno lassù ci ascolti”.

BrindisiOggi

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*