Scacco alla Scu, gli arrestati scelgono la strada del silenzio, solo tre respingono le accuse

BRINDISI- Scacco alla Scu, gli arrestati scelgono la strada del silenzio. Si sono svolti oggi gli interrogatori di garanzia a carico di alcuni degli indagati finiti in manette giovedì scorso nell’ambito delle due inchieste condotte dai carabinieri del Comando Provinciale di Brindisi che hanno consentito di smantellare il sodalizio criminale Romano-Coffa. Gli indagati ristretti in carcere sono stati interrogati e quasi tutti hanno scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere. Sono stati interrogati : Marcello Campicelli, 56 anni, di Brindisi; Pamela Cannarile, 32 anni, di Brindisi; Luigi Carparelli, 30 anni, di San Vito dei Normanni; Vitantonio Cocciolo, 26 anni, di Brindisi; Angela Coffa, 29 anni, di Brindisi; Annarita Coffa, 40 anni, di Brindisi; Francesco Coffa, 37 anni, di Brindisi; Francesco Coffa, 39 anni, di Brindisi; Marco Curto, 36 anni, di Brindisi; Fabrizio D’Angelo, 48 anni, di Brindisi; Giovanni De Benedictis, 24 anni, di San Vito dei Normanni; Rosaria Lazoi, 58 anni, di Brindisi; Abele Martinelli, 50 anni, di Brindisi; Giovanni Patisso, 56 anni, di Oria; Maria Petrachi, 33 anni, di Brindisi; Nicola Pierri, 51 anni, di Brindisi; Giuseppe Prete, 28 anni, di San Vito dei Normanni; Cosimo Remitri, 29 anni, di San Vito dei Normanni; Alessio Romano, 35 anni, di Brindisi; Vito Simone Ruggiero, 30 anni, di Brindisi; Stasi, 37 anni, di Brindisi; Salvatore Mario Volpe, 25 anni, di Brindisi. Sono stati, invece, ristretti agli arresti domiciliari:  Cosimo Andriulo, 48 anni, di Brindisi; Gianluca Volpe, 23 anni, di Brindisi; Francesco Soliberto, 34 anni, di Brindisi; ; Giovanni D’Amico, 27 anni, di Tuturano; Anna Gianniello, 39 anni, di Brindisi; Piero Lo Monaco, 27 anni, di Carovigno; Monica Mangione, 48 anni, di Brindisi; Enrico Mellone, 41 anni, di Mesagne; Cosimo Schena, 48 anni, di Brindisi; Ivano Cannarile, 37 anni, di Brindisi. Di tutti questi Alessandro Coffa, Angela Coffa, Annarita Coffa, Francesco Coffa (37 anni) e Francesco Soliberto sono stati raggiunti da due ordinanze di custodia cautelare, tutti e cinque compaiono in  entrambe le inchieste. Per Andrea Romano, Alessandro Coffa, Alessandro Polito e Marcellino Campicelli, l’interrogatorio si è svolto per rogatoria perché reclusi in altre strutture carcerarie. Tutti si sono avvalsi della facoltà di non rispondere ad eccezione di  De Benedictis, Volpe e Carparelli,  che hanno respinto ogni addebito. Domani, invece, sarà la volta degli indagati ristretti agli arresti domiciliari: Cosimo Andriulo, 48 anni, di Brindisi; Gianluca Volpe, 23 anni, di Brindisi; Francesco Soliberto, 34 anni, di Brindisi; ; Giovanni D’Amico, 27 anni, di Tuturano; Anna Gianniello, 39 anni, di Brindisi; Piero Lo Monaco, 27 anni, di Carovigno; Monica Mangione, 48 anni, di Brindisi; Enrico Mellone, 41 anni, di Mesagne; Cosimo Schena, 48 anni, di Brindisi; Ivano Cannarile, 37 anni, di Brindisi.

BrindisiOggi

 

 

 

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*