Scavi nel terreno senza autorizzazione paesaggistica, sequestrata area di 600 metri quadrati

Jpeg

CEGLIE MESSAPICA – Scavi nel terreno senza autorizzazione paesaggistica,  i carabinieri forestali sequestrano a Ceglie Messapica un’ area di 600 metri quadrati all’ interno di un fondo rustico, in contrada Tagliente.

I militari hanno accertato l’ effettuazione di un esteso scavo, con il terreno estratto  accumulato al margine della grande buca, presumibilmente per essere riutilizzato su altri fondi coltivati, mentre ammassi di pietrame erano stati predisposti per il riempimento e quindi occultare l’ operazione abusiva. Detti lavori, infatti, qualificati come “rilevante modifica dello stato dei luoghi”, in una zona come quella in questione, ricadente in “Boschi, Aree di rispetto ai boschi e paesaggi rurali” secondo il Piano Paesaggistico Territoriale Regionale, possono essere realizzati solo in presenza di un’ autorizzazione paesaggistica rilasciata a corredo del titolo edilizio.

Nel caso in questione, non c’era nessuna autorizzazione o permesso, nè tanto meno era stata richiesta. L’ episodio pone ancora una volta l’ attenzione sulle esigenze di sorveglianza sul rispetto del regime di tutela che investe un territorio, ed il suo paesaggio, di gran pregio come quello della collina cegliese, dove pur tuttavia si registrano di frequente tentativi di sfruttamento con elusione delle limitazioni imposte.

La proprietaria del fondo, A.B. 61enne cegliese, è stata deferita alla Procura della Repubblica di Brindisi.

 

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*