Si dimettono da Forza Italia e vanno con Ciullo: “Con Cavalera una coalizione da incesto politico”

BRINDISI- Escono da Forza Italia e vanno a sostenere la candidatura a sindaco di Massimo Ciullo. Il vice coordinatore provinciale azzurro Andrea Gaballo con Massimiliano Oggiano e altri 8 esponenti con cariche all’interno del partito  si dimettono, oggi l’annuncio ufficiale anche se ormai da tempo era evidente la posizione dell’ex consigliere comunale e gli altri. Criticano il modello politico e l’accordo che Forza  Italia ha sancito con i centristi, in particolar modo con coloro che hanno fatto parte dell’amministrazione Consales prima e Carluccio dopo. Salvano però l’ex sindaca, perché ormai è notizia ufficiale di un avvicinamento della Carluccio da parte di Fratelli d’Italia che sostiene Ciullo. “L’ex sindaca –dice Oggiano – è vittima di un sistema del quale è rimasta sgretolata”.

Gaballo lamenta la mancanza di un confronto costruttivo in vista delle amministrative all’interno di Forza Italia, dove avrebbe deciso tutto l’onorevole Mauro D’Attis e la coordinatrice cittadina Ernestina Sicilia. “Non potevamo condividere il modello politico amministrativo che stava venendo fuori – spiega – non è altro che la continuità con il passato, e già ora ci sono delle fibrillazioni. Cavalera è una persona stimata, ma la sua truppa è gia macchiata”.

Da Forza Italia vanno via in dieci. Oggiano definisce la coalizione che vede insieme gli azzurri con il centro moderato di Luperti, Pierri e Iaia, incluso i centri ex Rollo, come un incesto politico. Salva invece il Pri di Giovanni Antonino. “Non riesco a capire come Forza Italia concilierà la sua visione sui temi del Piano regolatore generale e lo Shuttle sui quali ha fatto  una battaglia completamente opposta alle due precedenti amministrazioni con le quali ora fa l’accordo. E’ chiaro che ci sono interessi in giochi. Non possiamo stare con loro altrimenti saremmo complici e partecipi”.

Intanto annuncia che ha avuto contatti con  l’architetto Goggi, l’esperto che volle Mennitti per redigere il Pug, mandato poi via dal governo Consales e con  il quale ora c’è un contenzioso giudiziario. “Goggi – dice Oggiano – è disposto a tornare per dare il suo contributo”.

Lo stesso aveva detto qualche giorno fa il candidato sindaco dei 5Stelle Serra nominando di nuovo Goggi e l’ipotesi di un suo ritorno ripartendo dal suo piano preliminare.

Per Oggiano il vero centrodestra è quello che sostiene la candidatura di Massimo Ciullo, voluto dal Salvini e da lui annunciato a gennaio scorso quando il tavolo con Forza Italia era già in piedi. Per Forza Italia quella un fuga in avanti, per Oggiano invece è mancato il confronto successivo.

L’ex consigliere comunale An poi Cor ricorda che alle precedenti amministrative, cioè solo due anni fa Forza Italia ha raccolto il minimo storico del 4 per cento. “Almeno la metà dei voti erano dei candidati dell’associazione Periferia della quale faccio parte. Io sono sempre stato coerente, ero stato capogruppo dei Cor ma ho lasciato quando questi hanno deciso di sostenere la Carluccio e di andare con il Centro, faccio lo stesso ora con Forza Italia”.

Lu.Po.

In 10 lasciano Forza Italia compreso jl vive coordinatore provinciale Gaballo:"non c'è stato confronto sulle decisioni per le amministrative. Noi non sosteniamo chi è la continuità delle due precedenti amministrazione". Ora sosterranno Ciullo

Nai-post ni Brindisi Oggi noong Lunes, Abril 30, 2018

Oggiano:" andiamo via da Forza Italia non c'è confronto costruttivo e portano avanti una coalizione che è un incesto politico"

Nai-post ni Brindisi Oggi noong Lunes, Abril 30, 2018

ITS LOGISTICA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*