Sicurezza in città: weekend di controlli in piazze e locali

BRINDISI – Sicurezza e controlli a Brindisi. Le forze dell’ordine in questo ultimo fine settimana hanno preso d’assalto tutti i quartieri della città. Dalle forze di polizia, ai carabinieri e finanza, nessuno escluso, tutti hanno lavorato per dare più tranquillità ai cittadini dopo i fatti di cronaca avvenuti nell’ultimo mese.

La polizia durante le giornate di venerdì e sabato scorsi ha controllato 188 persone, 83 autoveicoli, di cui 8 motocicli. Per tre motocicli è stato disposto il fermo amministrativo e sono stati elevati sei multe al codice della strada ed è stato anche effettuato un controllo amministrativo.

Gli interventi sono stati effettuati per una lite su strada per motivi di viabilità tra automobilisti; una lite in centro per motivi “passionali” e un intervento per segnalato allarme in banca, ove è intervenuto un istituto di vigilanza convenzionato per quanto di loro competenza.

I controlli sono stati limitati alle persone e mezzi solo per le situazioni particolari e alle moto che si incrociavano, come avrebbe richiesto qualsiasi cittadino. Per l’atteggiamento assunto si è notato come nelle zone interessate al controllo del territorio, tutti i conducenti di moto circolassero con il casco: i conducenti di moto sanzionati avevano il casco ma non avevano conseguito la patente.

Con l’ausilio dei cinofili, sono stati effettuati controlli e passaggi presso la Stazione ferroviaria, nei sottopassi, nella piazza antistante la stazione, e in tutte le zone che sono notoria-mente ritrovo di comitive di giovani per la prevenzione dello spaccio e dell’uso delle droghe di qualsiasi tipo. Si è provveduto anche alla vigilanza presso l’ipermercato e presso il Brin Park per la presenza di alcuni locali ricettivi.

L’attività è stata disposta dal prefetto di Brindisi Valerio Valenti, e attuati dal questore Maurizio Masciopinto, nelle funzioni proprie di autorità provinciali di pubblica sicurezza. Questi servizi sono finalizzati sono svolti con particolare attenzione nei fine settimana, che in questo periodo a ridosso dell’estate vede la città particolarmente popolata tanto sul lungomare che nelle zone centrali.

Obiettivo dei servizi è rendere fruibili le zone indicate, notoriamente a maggiore vocazione di intrattenimento; per precisa scelta sono stati effettuati anche posti di controllo in zone di rilevo per la viabilità, e controlli amministrativi a sale gioco e circoli ricreativi.

I controlli sono stati fatti soprattutto negli orari serali e notturne di venerdì e sabato scorsi, realizzando un accurato gioco di squadra che ha visto il coinvolgimento della Guardia di Finanza, che oltre a un equipaggio ha reso disponibile anche una unità cinofila; la polizia locale che ha messo a disposizione due equipaggi.

Da parte della polizia vi è stato l’ausilio del reparto di Frontiera con la sua unità cinofila, oltre la presenza delle volanti, dei motociclisti e di altri equipaggi a cura dell’ufficio servizi. La motivazione di tale coinvolgimento è nel rendere più incisiva possibile l’attività di contrasto alle varie condotte illecite, per i quali è possibile il coinvolgimento di più organismi.

Si pensi al controllo amministrativo verso una sala giochi, dove la polizia di stato opera i controlli sulla regolarità delle licenze di pubblica sicurezza; la polizia locale sugli ambienti commerciali; la guardia di finanza sugli aspetti fiscali ed economici dell’attività.

Non è sottovalutato il forte valore di prevenzione che un controllo sinergico può svolgere verso quei soggetti che si tengono ai limiti della legalità. Oltre ai consueti e visibili servizi nei pressi del teatro Verdi e sul lungomare, sono state interessate al controllo anche piazza Cairoli, corso Umberto e corso Garibaldi, zone interessate dalla presenza di numerosi locali quali bar, pub e ristoranti, particolarmente affollati, e ove sono stati effettuati interventi di varia natura.

Controllati anche i posti abituale ritrovo di comitive giovani, che con la loro esuberanza del fine settimana non sempre sono consapevoli di arrecare disturbo alle persone che abitano nelle zone vicine.

Le unità cinofile, sia della Polizia di Stato che della Guardia di finanza che hanno creato un particolare punto di contatto con i giovani in piazza Verdi. Questo legame passa per sentimenti di vicinanza e umanità favoriti proprio dalla presenza dei cani antidroga impiegati, anche loro grandi protagonisti nei servizi del fine settimana appena passato: non sempre silenziosi, i cani della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato, a tratti chiassosi, ma certamente in grado di catturare la simpatia, l’affetto, l’entusiasmo non solo di bambini e giovani.

In tanti hanno chiesto di fare un selfie o una foto vicino a questi amici a quattro zampe, patrimonio di tutta la collettività e non della specifica forza di polizia che li ha in gelosa quanto attenta custodia. Il tutto mentre svolgevano il loro servizio antidroga.

(Foto di repertorio)

BrindisiOggi

ITS LOGISTICA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*