Strada pericolosa, “serve il prolungamento di via Pontinia”, il comitato scrive alla sindaca

Poseidone articolo

BRINDISI- Chiedono il prolungamento di via Pontinia al quartiere Cappuccini   per eliminare i pericoli su questa strada. Il comitato spontaneo nato per la riqualificazione del quartiere scrive alla sindaca  Angela Carluccio. “ Per  23 anni ci sono stati continui disagi, da quando, la ditta Beton Salento – spiega il rappresentate del comitato Fabrizio Bevacqua-  ultimò i lavori per la costruzione delle palazzine adiacenti, abbandonando contestualmente gru e materiale edile di scarto. Il lotto in questione, risulta essere di proprietà di COIM Costruzioni Immobiliare intestata a Campolo Annamaria S.a.S. e con sede in Cavallino, azienda proveniente dalla vecchia Beton Salento S.p.A.. Tale situazione, nel corso dei decenni, fu più volte segnalata alle diverse autorità distrettuali del nostro Comune, chiedendone in ogni occasione la pulizia e la messa in sicurezza dell’intera area. Purtroppo, solo con l’occasione della campagna elettorale, in cui vide l’insediamento del Sindaco Consales, furono strappate promesse ma poi mantenute solo in parte. Le gru furono rimosse, l’area fu ripulita suscitando un positivo impatto mediatico. In un secondo momento, invece, vi fu l’allargamento della via Pontinia, la quale rappresentava un vero pericolo per l’incolumità pubblica a causa delle scarse dimensioni e aggravata dalle auto parcheggiate lungo la via sino a congestionare pericolosamente la viabilità, procurando seri problemi di circolazione in occasione degli interventi in emergenza.”

L’auspicio  del comitato è quello di vedere la via prolungata e confluire su via Cappuccini, prevedendo un allungamento di appena 100/150 metri (almeno per un primo tratto), delineando una volta per tutte il lotto “F2” dalla superficie di circa 4.000 mq. rendendolo così disponibile per la realizzazione di opere idonee al quartiere e conformi alla sua destinazione d’uso.

BrindisiOggi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*