Task force per i controlli alla movida ostunese lungo la costa: multati locali, e sequestrata droga

OSTUNI- Controlli alla movida ostunese lungo la costa, beccati due locali senza autorizzazioni per il pubblico spettacolo e sequestrate dosi di hashish e marijuana tra i giovani. Prosegue senza sosta l’attività della “Task Force” istituita sotto il coordinamento della Divisione Amministrativa della Questura.

Nello scorso fine settimana, infatti, la Polizia di Stato ha svolto specifici servizi di verifica e controllo lungo il litorale della costa ostunese, dove, in special modo in questo periodo di agosto, gran parte dei locali di pubblico intrattenimento registrano numerose presenze.

Allo scopo di garantire la sicurezza delle migliaia di fruitori nelle strutture, la Questura ha impiegato sul campo, ad affiancare personale delle Divisione Amministrativa, anche pattuglie del Commissariato di Ostuni, della Squadra Mobile ed unità cinofile in forza alla Polizia di Frontiera. All’azione di controllo collaborato attivamente anche la  Polizia Municipale della “città bianca”.

Sono state rilevate gravi violazioni di natura amministrativa in due plessi dove si svolgevano eventi danzanti: assenza di specifiche autorizzazioni per il pubblico spettacolo, utilizzazioni di palchi privi del necessario collaudo per l’agibilità, chioschi e bar non censiti e totalmente abusivi.

Tutte violazioni che si sono tradotte in pesanti sanzioni amministrative, oltre che in sequestri anche di natura penale, per i quali i relativi gestori sono stati oggetto di denuncia e sul cui merito saranno inoltrate informative alla Procura della Repubblica del Tribunale di Brindisi.

Ma l’azione dei poliziotti ha anche consentito il rinvenimento di una dozzina di dosi confezionate di hashish, alcune decine di grammi di grammi di marijuana, e la denuncia ex art.75 della D.P.R.309/90 (detenzione di sostanza stupefacente) di un giovane avventore.

I servizi di prevenzione e controllo proseguiranno anche e, soprattutto, nei prossimi giorni.

 

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*