Terreni industriali a rischio idrogeologico, disponibili 700milioni, Rollo:”Non perdiamo questa opportunità”

Poseidone articolo

FRANCAVILLA FONTANA- Vasta area da destinare ad insediamenti produttivi, ma i vincoli idrogeologici bloccano l’insediamento.

Si tratta di un’area di proprietà del  Consorzio ASI – Brindisi, si trova nel territorio del Comune di Francavilla Fontana, circa 101 Ha lungo la via prov.le S. Vito.  L’area è divisa in lotti,  due dei quali realizzati.

Tuttavia al momento resta tutto  bloccato poiché a seguito di studi avviati dall’Autorità di Bacino per la Puglia nell’ambito della redazione del PUG per il Comune di Francavilla Fontana,  si è scoperto che sussiste un vincolo di rischio idrogeologico che riguarda tutto il tratto SS N.7 lungo la via per S. Vito dei Normanni  includendo anche l’area di proprietà dell’Asi che così stata giudicata inedificabile.

Il rischio tuttavia può essere mitigato attraverso una serie di interventi.

Il Ministero dell’Ambiente , in data 30/10/2014, ha pubblicato le “Procedure per la presentazione delle richieste di finanziamento degli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico”, da attuarsi attraverso la piattaforma RENDIS (Repertorio Nazionale degli Interventi per la Difesa del Suolo) con cui possono interagire i competenti uffici regionali per l’inserimento della documentazione tecnica relativa alle situazioni di rischio idrogeologico di ciascuno dei territori di competenza interessati.

Il Comune di Francavilla Fontana , è stato indicato tra quelli meritevoli di finanziamento da parte del Ministero dell’Ambiente, per la messa in sicurezza dal rischio idrogeologico.

Sono 700 milioni di euro disponibili dai fondi Cipe destinati alle regioni del Sud per interventi di dissesto idrogeologico immediatamente cantierabili, ed al Ministero dell’Ambiente per finanziare ulteriori progetti di intervento.

 Vista l’opportunità  è stato così trasmesso ai competenti uffici regionali un documento, sottoscritto congiuntamente dal Presidente della Provincia di Brindisi e Sindaco del Comune di Francavilla Fontana – Maurizio Bruno, e dal Presidente del Consorzio ASI-BRINDISI – Marcello Rollo, con il quale è stato chiesto alla Regione Puglia – Assessorato Infrastrutture e Mobilità, Lavori Pubblici, di convocare un incontro, urgente ed indifferibile, tra tutti i soggetti coinvolti nella gestione della problematica, per la condivisione dell’iter procedurale e l’assunzione dei rispettivi impegni istituzionali, rispetto alle preliminari valutazioni già formulate in sede di tavolo tecnico avviato presso il Comune di Francavilla Fontana.

Il presidente dell’Asi , Marcello Rollo ha detto: “E’ importante in questo momento cooperare affinchè non si perdano occasioni di sviluppo per il nostro territorio. L’Asi ed il comune di Francavilla lo stanno già facendo ora è importante che lo facciano gli uffici regionali dell’Area di Coordinamento Politiche per la tutela e la sicurezza ambientale e per l’attuazione delle opere pubbliche, degli uffici della Struttura Tecnica Provinciale, e i rappresentanti di ANAS”.

BrindisiOggi

1 Commento

  1. Quando sento parlare, nelle nostre contrade, di “Sviluppo industriale” mi vengono in mente gli scenari da film catastrofici post bombardamento termonucleare. Ma quale sviluppo? Ma questa gente non sa contare le aziende che hanno chiuso, che chiudono e che chiuderanno qui, nel Salento come nel resto della Puglia e del Mezzogiorno ? Ma non sanno contare le centinaia di capannoni vuoti ed abbandonati ( fatevi un giretto nella zona industriale di Brindisi, tanto per gradire) che testimoniano un tempo di sperperi ,scelte sbagliate ed incapacità imprenditoriale? Ma da dove sorge la necessità di spendere tanti soldi per “mettere in sicurezza” zone che MAI e poi MAI nessuna azienda andrà ad occupare? La logica delle “cattedrali nel deserto” è dura a morire. Non faccio il pessimista, ma guardo in faccia ad una realtà che, anche se qualche pagliaccio chiama “anno felix”, è sotto gli occhi di tutti. Ed ecco che allora quando sento che alcuni dicono “..non perdiamo questa opportunità” un brivido di gelo mi attraversa la schiena. Ne abbiamo viste di “occasioni” non perse. E come se non si sono perse…..

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*