A Carovigno troppi contagi, chiesto al sindaco un piano di pattugliamento

CAROVIGNO- A Carovigno troppi contagi da coronavirus della provincia di Brindisi, i consiglieri comunali Annicchiarico, Franceschino, Pagliara, Zizza, Gentile e Uggenti chiedono al sindaco  un piano di pattugliamento. I consiglieri comunali Maria Antonia Immacolata Annicchiarico e Vincenzo Franceschino, appartenenti al Gruppo Carovigno Nuova, Antonio Pagliara e Vittorio Zizza, appartenenti al Gruppo Lega Carovigno, Marilinda Gentile e Andrea Uggenti, appartenenti al gruppo Prima Carovigno, vista la grave emergenza sanitaria hanno presentato una interrogazione al sindaco di Carovigno, Massimo Lanzillotti.

“Abbiamo appreso dai mezzi di comunicazione e dai comunicati del nostro Primo Cittadino che nel nostro Comune vi sarebbero diversi casi accertati di contagio da COVID 19- dicono- da fonti ufficiose emergono notizie che i casi di contagio da COVID 19 nel Comune di Carovigno risulterebbero di gran lunga superiori a quelli effettivamente comunicati. Pertanto, la situazione, allo stato, risulta grave ed allarmante. La crescita esponenziale della diffusione del virus deve essere bloccata, sia attraverso il rispetto da parte di tutti i cittadini delle prescrizioni già in essere che con l’adozione di altri e più stringenti provvedimenti”. Alla luce di questo i consiglieri chiedono al primo cittadino di adottare con estrema urgenza le misure straordinarie necessarie per arginare – con ancora maggior decisione  la diffusione del virus.

“Nello specifico si ritiene necessario ed indispensabile, vista la gravità della situazione, che venga attuato un piano di pattugliamento e controllo dell’intero territorio del Comune di Carovigno, a mezzo delle Forze di Polizia, chiedendo ove necessario l’intervento dell’Esercito, previa autorizzazione del Prefetto pro-tempore, al quale la presente viene inoltrata per conoscenza-dicono- al fine di garantire un maggior rispetto delle prescrizioni attualmente esistenti e scongiurare che soggetti, ancora ignari della situazione di pericolo, possano disattendere le normative in vigore ponendo in pericolo la salute e l’incolumità di tutti i cittadini”.

BrindisiOggi

Salone nautico di Puglia
Scuola Palumbo

1 Commento

  1. Signor sindaco Massimo Lanzillotti io mi auguro e spero che l’esercito lo chiami quanto prima affinché nn sarà troppo tardi x noi nn x loro xke se loro hanno la testa al largo noi qui ‘facciamo gli arresti domiciliari e nn xke i suoi paesani devono fare i fattacci loro. Xcio Signor sindaco la prego ACCELLERI I TEMPI PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI ANKE X NOI KE OSSERVIAMO LE RESTRIZIONI GOVERNATIVE. GRAZIE!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*