Ampliata la quota per l’Italia dei fondi Transizione: così potrebbe rientrare anche Brindisi

BRINDISI – Si apre una speranza per Brindisi che prima era stata esclusa dai fondi europei Just Transition fund. Sulla questione c’era stata una levata di scudi da parte di Forza Italia. Oggi arriva la buona notizia dal sindaco Rossi che annuncia che a Bruxelles sono stati implementati i fondi del Just Transition Fund che passa da 7,5 a 40 miliardi di euro, con la quota per l’Italia che aumenta da 364 milioni a 2,14 miliardi di euro.

“È un’ottima notizia per l’Italia e lo è anche per Brindisi  – afferma Rossi – che ora potrà rientrare nel programma, anche in relazione all’annuncio dell’allargamento fatto dalla Commissaria europea alla Coesione Elisa Ferreira. Ringrazio l’onorevole Andrea Cozzolino, del Partito Democratico, per l’impegno profuso e l’attenzione che ha rivolto al nostro territorio”.

La cronaca politica sulla questione in realtà (anche se non citato dal sindaco)registra anche l’ intervenuto dell’europarlamentare Raffaele Fitto, uno dei relatori di questo provvedimento in sede europea. L’8 maggio Fitto aveva q annunciato un emendamento per individuare nuovi criteri e far inserire anche Brindisi nei siti riconosciuti. Per questo chiedeva la collaborazione di tutti gli europarlamentari italiani e pugliesi.

Non Solo Pane

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*