Approvato l’impegno di spesa per aggiustare l’ascensore per Mina e le sue figlie

Poseidone articolo

BRINDISI – Approvato l’impegno di spesa per aggiustare l’ascensore nella palazzina di via Boldini civico 15 al quartiere Sant’Elia, dove abita Mina Simmini con le due figlie disabili. Il dirigente comunale Fabio Lacinio ha firmato la determina con la quale impegna 7400 euro per i lavori all’ascensore e nello stesso tempo affida a Energeko, la società in house del Comune, l’intervento di manutenzione straordinaria. I lavori partiranno a breve e dopo 4 mesi finalmente i condomini di una palazzina di cinque piani potranno salire e scendere senza alcun disagio. La storia di Mina e le sue figlie ve l’abbiamo raccontata più volte. Mina ha due ragazze disabili, una di queste è sulla sedia a rotelle l’altra ha problemi di deambulazione, da tempo erano costrette a stare in casa  a causa dell’ascensore rotto. Nelle ultime settimane era stato posizionato un montacarichi ma questo non era di facile utilizzo con la sedia rotelle, ogni giorno Mina era costretta a scendere per le scale sua figlia.

Nel frattempo questa famiglia aspetta una casa più idonea per le patologie delle due ragazze. In passato abitavano in una casa a piano terra al quartiere Perrino, ma stando a quanto racconta la donna questa era piena di barriere architettoniche, e c’è stato un cambio con i residenti dell’abitazione di Sant’Elia.

Un cambio che però non è mai stato ufficializzato al Comune, anche se la donna è in possesso di una carta dove si evince che l’ex dirigente comunale era a conoscenza di questi fatti. Dal Comune fanno sapere che prima bisogna regolarizzare la situazione  attuale e poi provvedere ad una nuova assegnazione, ma gli uffici si sono attivati da tempo per trovare una casa in sostituzione più idonea alle esigenze di questa famiglia.

BrindisiOggi

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*