Arresti, controlli e perquisizioni dei carabinieri, in un anno i reati calano dell’11 per cento

BRINDISI- Calano dell’11 per cento  i reati commessi in provincia di Brindisi. In particolate nei 17 comuni della provincia su 20, dove l’Arma rappresenta l’unica forza di polizia  a competenza generale, ha perseguito in quest’anno l’81 per cento dei  delitti commessi, con la percentuale  dei reati scoperti  che si è attestata al 27 per cento, un dato importante se si raffronta con il rilevamento istat nazionale che è  del 18,8% e quello  regionale del 20,9  per cento.

E’  da evidenziare la diminuzione generale dei reati predatori  segnatamente i furti e le rapine, con una diminuzione   dell’11 per cento  dei furti e del 14 per cento  delle rapine rispetto all’anno precedente. Riguardo alle rapine l’Arma ha proceduto per il 66 per cento di quelle commesse scoprendone il 28 per cento , con 69 rapinatori arrestati.

Anche l’attività antidroga  ha fatto registrare positivi  risultati con  239 arresti e 340 Kg di stupefacente sequestrato. Inoltre si é avuto un aumento dei soggetti assuntori segnalati al Prefetto,  il 35 per cento  in più rispetto allo scorso anno.  Importante al riguardo l’attività di contrasto profusa  vicino agli istituti scolastici  per infrenare la diffusione delle sostanze psicotrope tra le giovani generazioni, nonché l’impulso al fenomeno delle “stragi del sabato sera” le cui vittime si annoverano  soprattutto tra i  giovani assuntori di droghe ed alcol.   In merito proficua è stata la collaborazione dell’ASL che ha  allestito in supporto alle pattuglie dell’Arma, laboratori mobili sui principali assi viari per effettuare    speditivi accertamenti  finalizzati  alla verifica  dello stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di stupefacenti.

Anche l’attività nel campo delle misure di prevenzione finalizzata ad  aggredire i patrimoni  illecitamente accumulati ha fatto registrare importanti  risultati.

Costante è stata la  determinazione  nel perseguire  i  reati che hanno avuto le donne vittime di condotte persecutorie, violenze e soprusi in ambito domestico, sui luoghi di lavoro, e in altri ambiti,  alle parti offese è stato assicurato di concerto con l’Autorità Giudiziaria, protezione ed assistenza, assoggettando gli indagati a misure limitative della libertà personale .

Particolare riguardo  è stato rivolto alle persone anziane maggiormente esposte  alle  insidie  e  ai raggiri, con la campagna di “comunicazione  di prossimità” effettuata nelle parrocchie, uffici postali, circoli vari e luoghi di aggregazione, finalizzata alla prevenzione delle varie forme di  truffa di cui sono vittime.

L’attività preventiva espressa complessivamente sul  territorio ha fatto registrare 37.000 servizi nel corso dei quali sono state identificate 132.117 persone e controllati 88.471 mezzi.

In merito al contributo alla formazione della “cultura della legalità”,  cioè la possibilità concreta di incontrare, informare e confrontarsi con  i più giovani su tematiche di rilevante attualità,  ufficiali e sottufficiali dell’Arma nell’anno scolastico 2017/2018  hanno effettuato  85 conferenze presso 45 istituti a cui hanno partecipato 9000 studenti. Nell’anno scolastico in corso 2018/2019, ad oggi sono state effettuate 26 conferenze presso le scuole della provincia a cui hanno partecipato 4970 studenti.

BrindisiOggi

Operazione dei carabinieri, controlli e perquisizioni in tutta la provincia di Brindisi

Nai-post ni Brindisi Oggi noong Linggo, Disyembre 30, 2018

Scuola Palumbo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*